Pesaro, riapre il Centro Scholè “Maria Pia Gennari”

12

centro culturale pesaro

Dopo la didattica a distanza , riapre gradualmente il Centro Culturale Polivalente di Via Cefalonia. Il via il 1° settembre

PESARO – Si riaprono le porte del Centro Scholè “Maria Pia Gennari”. Dopo lunghi mesi, nei quali anche le attività di supporto linguistico si sono svolte in modalità di didattica a distanza a causa dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19, il Centro Culturale Polivalente di via Cefalonia torna operativo. Per garantire la sicurezza saranno prese tutte le precauzioni del caso, seguendo le linee guida stabilite dal governo.

Si tratta di una riapertura graduale. Il primo step riguarderà il laboratorio intensivo di italiano – L2, che si svolgerà nei locali del Centro IDEA (via Cefalonia) la mattina dall’ 1 all’11 settembre e proseguirà poi da ottobre in orario pomeridiano.

“Italiano un passo alla volta”, questo il nome del laboratorio, ha lo scopo di sostenere e qualificare l’inserimento scolastico di alunni di origine straniera, fornire gli strumenti della prima comunicazione ed aiutare gli alunni di età compresa tra i 6 ed i 14 anni con nessuna o con scarsa conoscenza dell’italiano ad inserirsi nel nuovo paese e nella nuova realtà scolastica.

L’attività che le operatrici del Centro Scholè portano avanti con grande professionalità da più di 20 anni – spiega l’assessore alla Crescita Giuliana Ceccarellivuole riportare all’attenzione lo stretto connubio tra diritto all’istruzione e diritto alla cittadinanza. L’accesso alla scuola del minore straniero deve essere accompagnato adeguatamente, seguendo i principi dell’accoglienza e dell’inclusione. Noi, come amministrazione di Pesaro, facciamo la nostra parte”.

Le iscrizioni avvengono tramite l’Istituto Comprensivo Statale di appartenenza. Saranno gli insegnanti a valutare i bisogni educativi degli alunni non italofoni, proponendo alle famiglie di iscrivere i propri figli ai laboratori. Una modalità che permette di avere un costante confronto tra la referente dell’Intercultura del Centro IDEA e i docenti.