Pesaro, inaugurata oggi la Sonosfera®

Ricci e Vimini: “L’Europa si salverà con la cultura e la bellezza”.Il presidente del Parlamento europeo Sassoli: “Una straordinaria operazione tecnologica, altre regioni italiane prendano spunto dalle Marche”

PESARO – Un teatro per l’ascolto profondo di ecosistemi e musica. Un’eccellenza unica al mondo, che porta la firma di Pesaro Città Creativa Unesco della Musica. È la Sonosfera®, progettata da David Monacchi, inaugurata oggi pomeriggio a Palazzo Mosca.

“Un patrimonio mobile costruito non solo per la nostra città, ma per l’Europa intera – ha spiegato il sindaco Matteo Ricci -. La Sonosferà può contenere tanta cultura e bellezza e sono sicuro che l’Europa si salverà con la cultura e la bellezza. Questa è la nostra carta d’identità nel mondo, non è un caso che qualche settimana fa Pesaro e Urbino hanno presentato a Matera la candidatura a Capitale Europea della Cultura 2033: una sfida da lasciare in eredità alle generazioni del futuro. La Sonosfera diventerà un ulteriore investimento per sostenere questa candidatura. Ringrazio il presidente David Sassoli: la sua presenza, in un momento così delicato, dimostra l’attaccamento che ha per il nostro territorio. L’Europa è il soggetto mondiale che più di altri sta spingendo verso un cambiamento dell’economia globale e sostenibile: il lavoro di ricerca fatto da Monacchi sta dentro le strategie europee”.

“Aspettavamo questo giorno da tempo – ha aggiunto l’assessore alla Bellezza Daniele Vimini -. Il percorso per arrivare alla Sonosfera è stato complesso e articolato: è una struttura unica al mondo, grande opportunità per la città, per il Paese e per l’Europa”.

Un importante lavoro di squadra, realizzato anche grazie ai finanziamenti europei ottenuti dalla Regione Marche: “Un’esperienza unica – così il presidente Luca Ceriscioli – resa possibile grazie ai fondi europei. Ne abbiamo già impegnati il 94%, nei prossimi sei mesi dovremmo arrivare al 100%. Siamo fra le prime regioni in termini di certificazione: i fondi europei ci permettono di accompagnare i territori nelle loro espressioni migliori”.

In occasione dell’inaugurazione, anche il presidente del Parlamento europeo David Sassoli: “Vediamo realizzati e spesi bene i fondi che l’Europa mette a disposizione dei nostri territori. Siamo in una regione particolarmente virtuosa da questo punto di vista, altre realtà italiane dovrebbero prendere esempio dalle Marche. La Sonosfera è una straordinaria operazione tecnologica, lascia un’impronta e fissa ciò che siamo stati”.

Sonosfera®

Collocata all’interno di Palazzo Mosca sede dei Musei Civici, la Sonosfera® è parte integrante del patrimonio del Museo Nazionale Rossini. Il pubblico è seduto in una doppia cavea simile ad un anfiteatro ma trasparente al suono. Il geode è costruito per essere acusticamente perfetto, isolato dall’esterno e completamente fono-assorbente all’interno. Il suono proviene da 45 altoparlanti posizionati nell’intera superficie semi-sferica intorno al pubblico e sotto la cavea che si combinano creando al centro un campo sonoro sferico molto prossimo alla realtà. Gli spettrogrammi del suono e i contenuti audiovisivi sono proiettati in una corona video a 360° ad altissima definizione. L’esperienza che se ne ricava è quella di una vera e propria immersione in un panorama sonoro e visivo che conduce all’interno del suono con un’esplorazione sensoriale dello spazio molto potente.

Come Teatro Eco-acustico trasportabile per il progetto ‘Fragments of Extinction – Il Patrimonio Sonoro degli Ecosistemi’, nel 2014 la Sonosfera® ha ottenuto il brevetto internazionale ad opera del professor David Monacchi, docente del Conservatorio Rossini, ed è perciò un dispositivo unico al mondo per caratteristiche tecnologiche e funzionali.

I contenuti da ascoltare all’interno della Sonosfera® potranno essere molteplici, legati alle sinfonie degli ecosistemi naturali con la loro biodiversità in estinzione, ma anche ad un’esplorazione inedita dell’opera di Gioachino Rossini come pure ad altri programmi musicali e sonori. A proposito del compositore, sono previste applicazioni per raccontare la musica come non la si è mai ascoltata attraverso il suono tridimensionale, proprio a partire dall’opera del genio di Pesaro. Il pluripremiato progetto “Fragments of Extinction” – che studia e propone al grande pubblico i paesaggi sonori delle foreste primarie equatoriali registrati durante spedizioni in tutto il mondo – sarà il primo contenuto culturale pronto per poter essere circuitato su scala internazionale. Visti gli attuali drastici mutamenti del clima e degli habitat naturali a livello globale, è ora di fondamentale importanza portare all’attenzione la ‘sesta estinzione di massa’. L’esperienza diretta e in tempo reale del suono degli ecosistemi intatti che si vivrà all’interno della Sonosfera®, costituisce uno strumento di consapevolezza verso il cambio di paradigma e la transizione ecologica, ormai richiesti inderogabilmente alla nostra civiltà. Grazie alla coinvolgente esperienza sensoriale proposta, la Sonosfera® rappresenta uno straordinario strumento di divulgazione sia scientifica che per un pubblico più ampio, arrivando a coprire una serie di ambiti legati alla ricerca nelle scienze e nell’arte, all’educazione ecologica ed estetica. Sono allo studio anche applicazioni di tipo terapeutico legate alla specificità di uno strumento immersivo così avanzato e per questo capace di sollecitare stati di rilassamento profondo o di interagire con disturbi dello spettro autistico o disturbi sensoriali più in genere.

La Sonosfera® sarà fruibile come strumento multifunzionale semistabile a Palazzo Mosca e potrà viaggiare nel mondo durante l’anno portando i contenuti prodotti a Pesaro Città Creativa Unesco della Musica in musei e istituzioni culturali europee e internazionali.

La Sonosfera® è un progetto di David Monacchi: “Una grande emozione e onore portare a termine il progetto a Pesaro, per potersi così riconnettere ad una grandissima tradizione musicale della città”.

La versione presentata oggi, 6 gennaio 2020, è stata finanziata nell’ambito del Progetto ITI Pesaro Fano (Investimenti Territoriali Integrati) con fondi FESR Marche (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) e si è sviluppata grazie al contributo del Museo Nazionale Rossini e del Comune di Pesaro, con il raccordo dei Servizi Comunali: Nuove Opere, Sviluppo e Opportunità, Politiche Culturali e Governance.

La costruzione della Sonosfera® è stata possibile grazie ad un team di circa 20 professionisti tra ingegneri, disegnatori, scenotecnici e aziende costruttrici diretti da Flavio Antoccia/Sonus Audio Services. I contenuti inaugurali sono stati realizzati con tecnologie non standard e software sviluppati per il progetto da un team specifico tra cui ex-studenti del corso di Musica Elettronica del Conservatorio Statale di Musica G. Rossini, diretti da David Monacchi ed Eugenio Giordani.

Sonosfera®, Palazzo Mosca – Musei Civici

Orario dal 7 gennaio
Tutti i giorni su prenotazione (gruppi da 15 a 60 persone) ore 10:30-17.30
venerdì, sabato, domenica e festivi: mattino ore 10.30, 11.30, 12.30, pomeriggio ore 15.30, 16.30, 17.30 (posti limitati, prenotazione consigliata)
prenotazione 0721 387541 biglietteria Palazzo Mosca – Musei Civici pesaro@sistemamuseo.it

Biglietto
intero € 8
ridotto € 6: possessori card Pesaro Cult, possessori di biglietto base o biglietto unico Pesaro Musei, gruppi min. 15 persone, studenti universitari, convenzioni

scuole € 4/studente

ingresso gratuito: minori di 19 anni, soci ICOM, giornalisti muniti di regolare tesserino, disabili e accompagnatori, possessori di Carta Famiglia del Comune di Pesaro, studenti del Conservatorio Statale di Musica G.Rossini.

Il biglietto per la Sonosfera® dà diritto al biglietto ridotto per il circuito Pesaro Musei.