Senigallia, in 400.000 al Summer Jamboree nei 9 giorni + 1 di Festival Internazionale

Summer Jamboree FestivalSENIGALLIA – Il Summer Jamboree raggiunge nuovi traguardi e si conferma un fenomeno in crescita continua da 16 anni. Nei 9 giorni + 1 dell’edizione 2015 sono state stimate 400.000 presenze. Ad annunciarlo è stato lo stesso sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi, intervenendo sul palco del Main Stage nella serata di sabato 8 per salutare insieme agli organizzatori del Festival Internazionale di Musica e Cultura dell’America anni ’40 e ’50, tutto il popolo del Summer Jamboree #16.

Sono anche tanti altri i numeri che raccontano la dimensione di un evento conosciuto ormai in tutto il mondo, a partire dalla pagina Facebook ufficiale che ha superato i 100.000 fan i post sul Summer Jamboree hanno raggiunto una copertura di oltre 700.000 contatti. Il sito internet Summerjamboree.com, per questa edizione, ha avuto oltre 210.000 visitatori, di cui 75.000 solo nei primi 9 giorni di agosto.

Sono stati 40 i concerti in cartellone a ingresso gratuito che hanno visto protagonisti 194 tra artisti e Dj. 6 i palchi utilizzati per gli spettacoli dal vivo: Main stage Foro Annonario, Kraken stage nei Girdini della Rocca Roveresca, West Side stage in via Carducci, il palco dell’Hawaiian Party sulla spiaggia di velluto, palco Crodino in piazza Saffi, Teatro La Fenice. Per allestirli sono stati impiegati 18 mixer, 120 tra microfoni e radiomicrofoni, 78 casse acus tiche co n un totale di370 altoparlanti, pilotate da oltre 180 amplificatori, e oltre 3 km di cavi per audio e luci.

10 le “piazze” in cui si sono svolti i dj contest: Piazza del Duca, Rocca Roveresca, Foro Annonario, Mascalzone sul lungomare Alighieri, Piazza Saffi, Piazza Simoncelli, Via Carducci, Rotonda a Mare, Spiaggia libera per Hawaiian party, Teatro La Fenice.

120 le persone eccezionali che hanno lavorato all’evento organizzato dall’Associazione Summer Jamboree e ad essi va aggiunto tutto il personale impiegato dalle decine di fornitori del Festival.

Il Dopo Festival al Teatro La Fenice con il Burlesque Show di Eve La Plume e Grace Hall, in programma venerdì 7 agosto all’una di notte, ha registrato il sold out per gli 800 posti disponibili. E di è registrato il sold out in tantissime serate ai dopo Festival, dall’una di notte alle 4, alla Rotonda a Mare, dedicate al ballo. Mentre al Big Hawaiian Party sulla spiaggia di velluto di Senigallia mercoledì 5 sono state stimate oltre 20.000 presenze.

Gli organizzatori del Summer Jamboree, Angelo Di Liberto e Alessandro Piccinini, dal palco (Main Stage Foro Annonario) del Rock’n’Roll Revue di sabato notte insieme allo special guest, Renzo Arbore, intervenuto a sorpresa, hanno ringraziato e omaggiato le due grandi band che hanno costituito l’ossatura portante del Festival: la formidabile Abbey Town 22 Peace Big Band e The Good Fellas, la strepitosa formazione che da anni è la prestigiosa house band del Summer Jamboree, capace di suonare insieme, e per, i grandi artisti che hanno fatto e continuano a fare la storia del Rock’n’ Roll, la elegantissima presentatrice Eve La Plume, e tutte le persone che hanno lavorato all’edizione #16 del Festival.

“Ragazzi fantastici – hanno detto gli organizzatori dal palco – per tutto quello che hanno fatto e per come lo hanno fatto. Tutti quanti con il sorriso, tutti quanti animati da un autentico spirito di collaborazione e condivisione. Un grazie sentito poi a tutto il pubblico meraviglioso del Summer Jamboree, unico al mondo, capace di contribuire all’atmosfera gioiosa e speci ale che si è respirata in questi giorni magici a Senigallia. E un grazie di cuore alla città per la risposta accogliente e propositiva che sta dando, da anni, al Festival”.

Lo stesso Renzo Arbore, storico amico degli organizzatori del Summer Jamboree, dopo le sue esibizioni improvvisate con l’orchestra di sabato notte ha salutato il pubblico di Senigallia, ringraziando gli organizzatori per questo Festival che rappresenta una occasione molto speciale per vivere e apprezzare lo swing, il Rock’n’Roll e la straordinaria cultura musicale di quell’epoca, rendendoci felici.

Oltre ai numeri, infatti, tanta gioia. Lo stesso Gary U.S. Bonds, il big di questa edizione, poco dopo il suo arrivo al Summer Jamboree ha detto “Non ho mai visto tanta gente felice tutta insieme. Girando ad ogni angolo della città, tutti hanno il sorriso in volto”.

Un plauso al Summer Jamboree anche da parte del critico musicale Dario Salvatori, una altro amico storico e appassionato del Festival in cui, ha detto, “Swing Dance, cultura popolare e stile di vita Rock’n’Roll convivono nel miglior festival del genere”.