San Benedetto, presentazione del libro “Coloni” di Pietro Frenquellucci

60

L’evento, nell’ambito di Incontri con l’Autore, si terrà domenica prossima all’Auditorium Comunale “G.Tebaldini”

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Domenica 23 gennaio 2022, alle ore 18, all’Auditorium Comunale “G.Tebaldini” di San Benedetto del Tronto, Pietro Frenquellucci presenterà il libro “Coloni. Gli uomini e le donne che stanno cambiando Israele e cambieranno il Medio Oriente”. Conversano con l’Autore Maurizio Capponi, Copywriter – Strategic Planner e Alessio Ceci, Project Manager per la cooperazione europea e internazionale.

Pietro Frenquellucci giornalista, ex caposervizio del Messaggero. Ha lavorato all’Agenzia ANSA, per la quale ha seguito anche alcune fasi dell’assedio di Sarajevo durante la guerra in Bosnia. Ha collaborato con diversi quotidiani locali e con il Corriere della Sera. Sin dal periodo universitario, si dedica allo studio dei problemi del Medio Oriente, territorio che ha ripetutamente e a lungo visitato fin dai primi anni Ottanta.

Coloni. Gli uomini e le donne che stanno cambiando Israele e cambieranno il Medio Oriente è il frutto di un lavoro svolto tra il 2018 e il 2021, aggiornato agli eventi legati all’ultimo sanguinoso conflitto di Gaza del maggio 2021. Nel corso di tre lunghi soggiorni in Israele l’Autore ha raccolto testimonianze, riflessioni e altro materiale originale e inedito, incontrando direttamente i “Coloni” che vivono nei territori occupati della Cisgiordania e che vengono considerati uno dei principali ostacoli alla pace tra israeliani e palestinesi. L’obiettivo di questo lavoro è quello di far conoscere come vivono e cosa pensano, quali sono le ragioni che spingono uomini, donne, giovani e meno giovani, intere famiglie a trasferirsi negli insediamenti costruiti nei territori conquistati da Israele con la guerra dei sei giorni del 1967 e che vengono chiamati ancora con i nomi biblici di Giudea e Samaria. Il tutto senza filtri e intermediazioni. In questo racconto, i “Coloni” parlano liberamente anche dei rapporti con i palestinesi, della situazione politica attuale, delle prospettive della pace e dell’eventualità della nascita di uno Stato palestinese indipendente. A raccontare le loro storie, i pensieri, le convinzioni e le motivazioni delle loro scelte sono i leader attuali e i padri fondatori dei movimenti dei coloni, imprenditori, intellettuali, uomini e donne che vivono negli insediamenti costruiti nei territori occupati. Dalle loro parole emerge un complesso di convinzioni che parte dal rapporto storico con la terra di Israele, così come definita nella Bibbia, prosegue con il legame millenario con la religione dei padri, si consolida con il prezzo in termini di vite e di sangue pagato oggi da chi vive negli insediamenti ebraici in Cisgiordania. Concludono il lavoro due approfondite interviste all’ex vicesindaco di Gerusalemme David Cassuto, e al professor Sergio Della Pergola, massimo esperto mondiale di demografia ebraica.