Petritoli, “Borghi Maestri”: ecco gli eventi per il fine anno e l’inizio del nuovo

5

Grandi Maestri della Scena  al Teatro dell’Iride di Petritoli, con i pluripremiati mimi ucraini Dekru, musica e Opera con Alessandro Calamai e altri eccellenti interpreti

 

PETRITOLI (FM) – La rassegna “Borghi Maestri della Scena” propone un triplo appuntamento al Teatro dell’Iride per festeggiare la fine del 2022 e l’inizio del 2023 con teatro, grande musica e Opera.

Il 30 dicembre va in scena lo spettacolo “Anime Leggere” del pluripremiato  quartetto di mimi ucraini  Dekru, che esprime l’archetipo del teatro. Utilizza la potenza iconica della figura del mimo (un attore completamente vestito di nero e con la faccia dipinta di bianco) per esaltare le emozioni del pubblico: dall’effetto comico del riconoscere i tic della vita di tutti i giorni (in ufficio, in ascensore, in auto) alle suggestioni suscitate da immagini fantasiose come un giardino incantato e un fondale marino abitato da curiose creature. Grazie al solo uso del corpo, nel corso dello show appaiono sotto ai nostri occhi numerosi personaggi originali che agiscono in tanti luoghi differenti dando vita ad una serie variegata di scene indipendenti che vanno a creare un divertente racconto delle vicissitudini dell’essere umano. Quello dei Dekru è un linguaggio universale che parla a tutti. Lo spettatore è accompagnato in un viaggio pieno di risate nella commedia della vita, tra poesia e satira sociale. A volte come in un film 3D o in un’esperienza di realtà aumentata, altre come in una vecchia pellicola in bianco e nero. Ci si troverà nel vivo di un allegro circo, poi coinvolti nel dinamico gareggiare di atleti olimpionici ed in seguito si seguirà col fiato sospeso la storia d’amore di due statue viventi. Il tutto attraverso brevi scene mute nelle quali quattro artisti ora buffi, ora intensi, raccontano con uno sguardo al contempo ironico e delicato la nostra vita.
Anime leggere è uno spettacolo scritto e diretto dalla regista Liubov Cherepakhina, insegnante della prestigiosa Accademia di Varietà e Arti Circensi di Kiev. Eredi spirituali di Marcel Marceau, i Dekru sono i nuovi maestri del teatro fisico, premiati in numerose rassegne di settore, tra i quali il Festival Mondiale del Circo di Mosca e il Festival di Clown e Mimi di Odessa. Grazie ad un perfetto linguaggio del corpo che non fa uso di parole, lo show ha riscosso grandissimo successo in tantissimi paesi del mondo.
Il quartetto è stato scelto per esibirsi durante l’Udienza di Papa Francesco per il Giubileo dello Spettacolo Popolare e in televisione ha stupito i giurati di Ucraina’s got talent e Tu sí que vales Italia.

I biglietti d’ingresso sono di € 6,00 l’intero e € 3,00 il ridotto per bambini 2-12 anni e gravi disabilità.

I bambini sotto i 2 anni entrano gratis se non occupano un proprio posto a sedere. Possono essere acquistati alla biglietteria del teatro a partire da 2 ore prima dell’inizio, ma si consiglia vivamente di acquistarli sul sito borghimaestri.it.

Il 31 dicembre, alle ore 22.00 è in programma una serata speciale, un viaggio musicale dal “Bel Canto” al “Gospel”per festeggiare l’arrivo del 2023 con straordinari interpreti della musica lirica e leggera.Ospiti d’eccezione saranno il baritono-basso Alessandro Calamai, diretto nell’arco della sua prestigiosa carriera da maestri come Zubin Mehta e da registi come Luca Ronconi, e la soprano Selene Fiaschi, anch’essa interprete di grande esperienza con ruoli da protagonista in produzioni di primo piano del panorama operistico nazionale e internazionale. Il viaggio musicale inizierà con le arie e i duetti più conosciuti dei grandi compositori del melodramma: Rossini, Puccini, Donizzetti, ma anche Mozart.

A seguire il duo composto dal pianista Daniele Biagini, uno dei più accreditati interpreti della scena Jazz toscana, e la cantante napoletana Antonella Grumelli che spazia dal Gospel, al Blues, alla world music.

Insieme a questi grandi musicisti verranno ripercorsi alcuni capitoli straordinari della storia della musica, partendo dal “Bel Canto”, passando dalla musica afro-americana, dalla musica portoghese e sud americana, alla canzone d’autore reinterpretata con le armonie a trame sottili caratteristiche del migliore Jazz italiano.

Allo scoccare della mezzanotte i festeggiamenti per il nuovo anno saranno garantiti da un altro viaggio, questa volta enograstronomico, nelle sale attigue al teatro, con dolci, prodotti locali, tipicità alimentari, spumanti DOC e DOP della rete Slow Food.

Dopo il brindisi, di nuovo in Teatro per il gran finale con gli ultimi giri di Blues e Jam Sessions.

I biglietti d’ingresso sono di € 16,00 l’intero e € 10,00 il ridotto per bambini 2-12 anni e gravi disabilità.

I bambini sotto i 2 anni entrano gratis se non occupano un proprio posto a sedere. Possono essere acquistati alla biglietteria del teatro a partire da 2 ore prima dell’inizio, ma si consiglia vivamente di acquistarli sul sito borghimaestri.it.

Il 1° gennaio, alle ore 17.30  “La Serva Padrona” di Giovan Battista Pergolesi, libretto di Gennaro Antonio Federico.

Per salutare il nuovo anno, Borghi Maestri presenta il debutto di una nuova messa in scena di una delle più conosciute opere di Giovan Battista Pergolesi, scritta dal compositore marchigiano negli anni ’30 del ‘700. La produzione è stata possibile proprio grazie a Borghi Maestri, che con la stagione teatrale 2022 inaugura anche il cantiere creativo “Borghi Maestri della Scena”.

La Compagnia Il Teatro Che Cammina è stata selezionata per l’alto contenuto artistico del progetto di creazione, inteso a riscoprire l’Opera in senso contemporaneo e a valorizzarne le forme, insieme colte e popolari, riscoprendo nell’Opera Buffa i canovacci comici della Commedia dell’Arte. In questo senso l’obiettivo del Cantiere, in programma a Petritoli nelle settimane precedenti l’evento, è stato quello di un allestimento leggero e divertente che possa essere apprezzato da qualsiasi tipo di pubblico.

Nella compagnia spicca il nome di un grande professionista del panorama lirico italiano: Alessandro Calamai, baritono diretto da maestri come Zubin Mehta e da registi come Luca Ronconi, nonché voce storica del Maggio Fiorentino. La voce femminile è quella di Yao Sun, giovane promessa dell’Opera di origine cinesi. La parte musicale è curata dal maestro Daniele Biagini, pianista eclettico che spazia dalla musica classica al jazz. Il servo muto “Vespone” è interpretato dall’attore napoletano Luigi Panìco. La regia è curata dal francese Jean Menigault, mimo formato alla scuola di Etienne Decroux diretto nel ruolo di Vespone da Henning Brochkaus per il Festival Pergolesi Spontini.

I biglietti d’ingresso sono di € 6,00 l’intero e € 3,00 il ridotto per bambini 2-12 anni e gravi disabilità.

I bambini sotto i 2 anni entrano gratis se non occupano un proprio posto a sedere. Possono essere acquistati alla biglietteria del teatro a partire da 2 ore prima dell’inizio, ma si consiglia vivamente di acquistarli sul sito borghimaestri.it.

Ulteriori informazioni sono reperibili in www.borghimaestri.it