“Tre uomini e una culla” in scena oggi a San Severino

0

Ultimo appuntamento con la stagione di prosa al Feronia 

SAN SEVERINO MARCHE – Oggi, mercoledì 20 aprile, ultimo appuntamento con la stagione di prosa dei Teatri di Sanseverino. Al prestigioso comunale Feronia va in scena in abbonamento, spettacolo alle ore 20,45, la commedia “Tre uomini e una culla” con Giorgio Lupano, Gabriele Pignotta e Attilio Fontana. Con i tre protagonisti sul palco anche Fabio Avaro, Siddhartha Prestinari e Malvina Ruggiano.
Per l’adattamento teatrale di Coline Serreau e Samuel Tasinaje, tratto dall’omonimo film di Coline Serreau per la regia di Gabriele Pignotta; lo spettacolo viene presentato in esclusiva regionale con il cine-teatro La Perla di Montegranaro.
Chi non ricorda i dolci sorrisi che la piccola Marie rivolge dalla culla ai suoi tre papà “improvvisati” nella pellicola francese degli anni Ottanta o nel fortunato remake hollywoodiano?
La bimba, piombata improvvisamente nella routine libertina dei tre scapoli incalliti, finirà per conquistarne l’affetto e rivoluzionarne la vita. La commedia, un riuscitissimo mix di tenerezza e divertimento, approda ora per la prima volta sui palcoscenici italiani grazie a un nuovo adattamento teatrale firmato dalla stessa autrice del film. Fedele alla vicenda originale, lo spettacolo tratta con lievità e brio il ruolo dei padri e i nuovi modelli di famiglia.
I tre protagonisti, che sono archetipi dell’uomo che una donna può incontrare e amare (l’uomo-padre, l’uomo-amante e l’uomo-amico fraterno) rifiutano ogni responsabilità perché non vogliono perdere la propria infanzia. Presto però verranno conquistati dall’affetto della piccola bambina che ne rivoluzionerà positivamente l’esistenza.
La pièce, ricca di spunti comici e momenti toccanti, si conferma un lavoro originale, capace di offrire un ritratto ricco dei rapporti tra i sessi nella Francia attuale. Le varie sequenze in cui è articolato il testo, inframezzato in maniera funzionale da brevi brani di canzoni francesi degli anni Ottanta, è vivacizzato da alcune scene parallele in cui sono alternati esterni e interni della vicenda con maestria, sveltezza e brio.