Senigallia, “Alice canta Battiato” e “Elio canta e recita Enzo Jannacci”

28

Sono i due appuntamenti per  festeggiare i 25 anni del teatro  La Fenice, eccellenza delle Marche; il 14 dicembre c’è Alice mentre il 16 dicembre Elio

SENIGALLIA – Il teatro La Fenice di Senigallia, una delle eccellenze delle Marche, terra ricca di teatri, compie 25 anni. Rinata su quello che rimaneva del teatro ottocentesco distrutto dal terremoto del ’30 – quasi mille posti distribuiti fra platea, quattro ordini di palchi e loggione –, la moderna Fenice venne consegnata alla città il 5 dicembre 1996 con il suggestivo sipario del maestro della transavanguardia Enzo Cucchi che si apriva sull’Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia e sulla Compagnia di ballo del Teatro Nazionale di Varsavia nel balletto “Romeo e Giulietta”.Nel tempo il teatro ha ospitato tante importanti residenze teatrali e grandi eventi.

Per tale rilevante ricorrenza viene proposta una programmazione altrettanto importante

Il Comune di Senigallia e l’assessorato alla Cultura della Regione Marche, con l’AMAT Associazione Marchigiana Attività Teatrali, con il sostegno del Ministero della Cultura e con la collaborazione della Compagnia della Rancia, festeggiano la ricorrenza con due grandi protagonisti dello spettacolo nei loro personali omaggi a due immensi artisti: Alice in Alice canta Battiato (14 dicembre) e Elio in Ci vuole orecchio. Elio canta e recita Enzo Jannacci (16 dicembre).

Martedì 14 dicembre 2021 madrina dei festeggiamenti del Venticinquesimo è Alice in “Alice canta Battiato”. Accompagnata al pianoforte dal maestro Carlo Guaitoli, per tanti anni collaboratore di Battiato, la sua Musa omaggia l’amico e maestro siciliano da poco scomparso con l’autenticità e l’eleganza che l’ha resa interprete unica della sua musica. “Da molto tempo – dice la cantante e autrice forlivese – canto le sue canzoni, quelle a cui sento di poter aderire pienamente. Già nel 1985 gli ho reso omaggio con un album e questo programma ne è il naturale proseguimento. Interpreto canzoni che nel tour “Battiato e Alice” del 2016 abbiamo cantato insieme per la prima volta e altre che appartengono ai suoi diversi periodi compositivi, alcune delle quali mai cantate prima d’ora. E non posso fare a meno di una breve incursione anche nelle sue cosiddette canzoni mistiche, senza dimenticare quelle nate dalle nostre numerose collaborazioni a partire dal 1980, i duetti e i brani che Battiato ha scritto per i miei album più recenti”.

Giovedì 16 dicembre in “Ci vuole orecchio. Elio canta e recita Enzo Jannacci” il cantante e performer più estroso, ironico e intelligente del pop italiano incontra il cantautore più eccentrico e personale della storia della canzone italiana, quello che è stato in grado di intrecciare temi e stili apparentemente inconciliabili: allegria e tristezza, tragedia e farsa, gioia e malinconia. Sul palco, nella coloratissima scenografia disegnata da Giorgio Gallione, troveremo assieme a Elio cinque musicisti, cinque stravaganti compagni di viaggio, che formeranno un’insolita e bizzarra carovana sonora arricchita da scritti e pensieri di compagni di strada, reali o ideali. Da Beppe Viola a Cesare Zavattini, da Franco Loi a Michele Serra, da Umberto Eco a Fo o a Gadda. Uno spettacolo giocoso e profondo perché “chi non ride non è una persona seria”.

Inizio concerti ore 21

Prevendite e biglietteria: biglietti (settore A 25 euro, settore B 20 euro, settore C euro 15; ridotto under25/over 65 nel settore A 20 euro) in vendita alla biglietteria del Teatro La Fenice (via Cesare Battisti) aperta il venerdì e il sabato dalle 17 alle 20 e nei giorni di spettacolo dalle ore 18, in tutte le biglietterie del circuito AMAT/VivaTicket e online su vivaticket.com.

Informazioni e prenotazioni:

Teatro La Fenice 071/7930842 e 335/1776042 (dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle 12.30), fenicesenigallia.it e AMAT 071/2075880, amatmarche.net