Pesaro-Urbino, “Il Natale che non ti aspetti”: dal 24 novembre la festa collettiva

L’evento diffuso targato UNPLI Pesaro e Urbino  coinvolgerà 15 territori e aiuterà a scoprire le tradizioni natalizie e i paesaggi tipici delle Marche

PESARO-URBINO –  Sabato 24 novembre 2018 prenderà il via  “Il Natale che non ti aspetti”, l’evento diffuso coordinato da Comitato Unpli sezione provinciale di Pesaro e Urbino insieme alle pro loco e in collaborazione con Regione Marche e Provincia di Pesaro e Urbino per promuovere la scoperta delle tradizioni natalizie e i paesaggi tipici delle Marche. Una festa collettiva con mercatini, presepi, luminarie ad effetto, villaggi di Babbo Natale, paesaggi invernali e magiche suggestioni animerà 15 territori della provincia nel weekend, per allungarsi, in alcuni casi, fino all’Epifania.

Sabato 24 novembre prende il via Candele a Candelara, la festa dedicata alle fiammelle di cera che andrà avanti per quattro weekend fino al 16 dicembre. Un’atmosfera ovattata che ha il suo culmine con lo spegnimento programmato della luce artificiale due volte al giorno, lasciando il borgo illuminato dalle sole candele. Novità dell’edizione 2018, la torre di legno costruita con i quattro simboli dell’Avvento: i Profeti, Betlemme, i Pastori e gli Angeli.

Nello stesso giorno partono anche le iniziative di E’ Natale a Mombaroccio con il Chiostro dei Sapori nel Chiostro di San Marco e la “Magica Nevicata” in Piazza Barocci che si ripete due volte al giorno nei weekend fino al 9 dicembre. Mercatini di artigianato artistico, l’accensione dell’Albero e la sfilata del Presepe Vivente per le strade del paese fino alla Capanna della Natività sono solo alcune delle attrazioni da non perdere.

Inizia sabato 24 novembre – per concludersi il 6 gennaio – anche Pesaro nel cuore, con la pista di pattinaggio sul ghiaccio a forma di cuore in Piazza del Popolo e l’accensione dell’Albero di Natale più illuminato d’Italia e con il minor consumo. I mercatini di Pesaro cambieranno categoria merceologica durante il periodo: fino al 9 dicembre artigianato, dal 10 al 25 mercatino di Natale e dal 26 al 6 gennaio mercatino dell’Epifania.

Nello stesso giorno prendono il via anche le iniziative – che termineranno il 1 gennaio – de il “Castello di Natale” a Gradara: con i tradizionali mercatini nel borgo, itinerari nella storica Rocca e nel borgo alla scoperta di curiosità e storie, percorsi teatrali itineranti per grandi e piccoli, racconti di Natale, l’Ufficio Postale di Babbo Natale, la scuola di clown e laboratori per bambini. Vin brulè e cioccolata calda dopo la messa della notte di Natale.

Il giorno successivo, 25 novembre, toccherà a Frontone dare il via alla sedicesima edizione di “Nel Castello di Babbo Natale”. La festa a Frontone si concluderà il 16 dicembre, ma per tutta la durata dell’evento sarà presente il tradizionale Mercatino all’interno del Castello risalente all’anno Mille, musica soffusa, il trono di Babbo Natale, animazione e laboratori per bambini e la musica itinerante degli Zampognari di Montefeltro e della Santa Claus Band.

Inizierà il 1 dicembre – e si concluderà con l’Epifania – “Il Natale più” a Fano: mercatini, il Villaggio di Natale, il celebre Presepe di San Marco e Diorami nelle antiche cantine di Palazzo Fabbri, il capodanno in piazza, il maestoso abete normandiano di 13 metri illuminato da migliaia di led colorati e, per la prima volta, una esposizione di sculture di sabbia raffiguranti la natività, gli antichi mestieri e alcuni celebri monumenti fanesi in Piazza Amiani.

Stessa partenza anche per Natale a Urbino, che nel weekend dell’Immacolata darà il via alla 18° edizione de “Le Vie dei Presepi”, con natività di ogni genere e provenienza collocate lungo le vie, all’interno dei palazzi e tra i vicoli del centro storico. Circa 200 opere allestite in quattro punti principali della città, che saranno inaugurate con un concerto nella Chiesa di San Domenico la sera dell’8 dicembre. Per tutto il periodo, eventi ed intrattenimenti di ogni tipo per grandi e piccini.

Sarà l’8 dicembre la data di avvio – e il 6 gennaio quella di chiusura – della diciottesima edizione de “Il Magico Natale” a Fossombrone con spettacoli di luce, laboratori creativi per grandi e bambini e animazione. Ma anche stand gastronomici, mercatini di manufatti artigianali, l’Ufficio Postale di Babbo Natale dove i bambini potranno consegnare le proprie letterine e la tradizionale accensione dell’albero, con giochi di colori e riflessi.

Toccherà invece aspettare fino al 4 gennaio per la Festa Nazionale della Befana di Urbania, con mercatini, musica, spettacoli e animazione di strada in attesa dell’arrivo di centinaia di Befane e del loro carico di dolciumi. Momento culminante della festa, il 6 gennaio, sarà la discesa della Befana dalla Torre Campanaria che distribuirà dolci a tutti i bambini presenti e la calza da guinness lunga oltre 50 metri realizzata dalle Befane del paese.