Folignano, “Nasi rossi nell’astuccio”: al via il progetto di clownterapia

68

Nelle scuole si svolgeranno attività di apprendimento e sperimentazione della terapia del sorriso; saranno coinvolti i bambini delle classi quarte delle scuole primarie

FOLIGNANO – Al via nelle scuole di Folignano “Nasi rossi nell’astuccio”. Ideato e proposto dalla dottoressa Elena Mohwinckel, psicologa-psicoterapeuta, insieme all’Associazione di volontariato Il sole di Giorgia di Piane di Morro, il progetto parte dopo una lunga pausa dovuta all’emergenza sanitaria.

L’associazione offre, da ormai nove anni, l’attività di animazione e gioco (clownterapia), coordinata dalla dottoressa Mohwinckel, presso il reparto di pediatria dell’Ospedale “C.G. Mazzoni” di Ascoli Piceno, “Madonna del Soccorso” di San Benedetto del Tronto e il reparto di oncoematologia pediatrica dell’Ospedale Salesi di Ancona.

«Nasi rossi nell’astuccio – spiega la psicologa – è un progetto di apprendimento e sperimentazione della terapia del sorriso, rivolto ai bambini delle classi quarte delle scuole primarie: i bambini, affiancati dai loro insegnanti, vivono un’esperienza particolare e coinvolgente che li porta a comprendere il valore di un sorriso e l’importanza, attraverso il gioco, di riconoscere e gestire le proprie emozioni scoprendo le risorse interiori che possono aiutare sé stessi e gli altri».

Il progetto si sviluppa in quattro incontri di due ore per classe condotti dalla psicologa. All’interno del percorso i bambini hanno l’occasione di incontrare alcuni volontari clown dell’Associazione per conoscere da vicino l’attività che essi svolgono all’interno delle corsie ospedaliere e per vivere insieme un’esperienza creativa. Diffondere i valori positivi e i principi posti alla base dell’agire associativo, servendosi anche di strumenti come la clownterapia, sono le basi fondamentali di questo speciale progetto.

A seguito di un incontro informativo con i genitori degli alunni coinvolti nel progetto, sugli obiettivi del progetto con la spiegazione della metodologia e l’illustrazione delle finalità, la dottoressa Mohwinckel (in arte “Titti”), accompagnata dall’assessore alla Pubblica Istruzione, Brunella Casini e dal presidente dell’associazione “Il Sole di Giorgia”, Marco Giacoboni, è stata accolta con grande entusiasmo dai bambini della scuola primaria di Villa Pigna

«Il progetto Nasi Rossi – commenta l’assessore Casinivuole essere occasione di divertimento e crescita, ma soprattutto uno strumento che aiuti i bambini a gestire le proprie emozioni per imparare a risolvere i problemi e avvicinarsi all’altro con la disponibilità ad ascoltare e sintonizzarsi sviluppando un atteggiamento empatico».

Il 25 febbraio si svolgerà, presso il PalaRozzi di Villa Pigna, una manifestazione che vedrà coinvolti tutti gli alunni che hanno aderito al progetto: sarà aperta a tutti i genitori i quali potranno assistere ad un entusiasmante spettacolo ricco di emozioni, riflessioni e …risate!