“Terremoto e rischio sismico”, conferenza del prof. Colombi sabato 17 dicembre a Urbino

251

Terremoto AmatriceURBINO – Attesa conferenza a Urbino: sabato 17 dicembre, alle ore 16.30, nell’Aula Magna dell’ISIA (Via Santa Chiara) si parlerà di terremoti, di prevenzione, tutela dei beni culturali, coordinamento negli interventi, e di  corretta informazione legata ai fenomeni sismici.  Ospite d’eccezione è il prof. Antonio Colombi, esperto che si occupa di prevenzione dei rischi naturali e in particolare del Rischio Sismico. La conferenza sarà introdotta dalle immagini scattate da Paola Ghirotti nel 2011, 2012 e nel 2015 nel Tohoku.

L’incontro  del 17 dicembre ha come titolo “Terremoti e Rischio Sismico. Italia e Giappone, due mondi ancora lontani”, e fa parte del programma delle iniziative di  “Appunti di bellezza: Nippon no bi, Urbino no bi”, il progetto culturale che celebra i 150 anni dei rapporti diplomatici fra Giappone e Italia.

Antonio Colombi è un esperto dei Programmi Europei di Protezione Civile, Pianificazione di Emergenza Strategica e Protocolli di Intesa sui Rischi Naturali, è stato uno dei primi professionisti inviato ad Amatrice subito dopo il terremoto del 24 agosto 2016, ed è continuamente impegnato nel seguire e studiare le evoluzioni dei fenomeni sismici in Italia e in altre parti del mondo.  La conferenza di Urbino sarà una bella occasione per entrare nel merito dei vari aspetti che accomunano ogni terremoto, inclusi i temi della comunicazione e le conseguenze che hanno un impatto “economico – turistico” anche in zone fuori dal “cratere” del sisma.

Ricordiamo che Appunti di bellezza: Nippon no bi, Urbino no bi”, ha il patrocinio dell’Istituto Giapponese di Cultura ed è ufficialmente fra gli eventi che celebrano i 150 anni delle relazioni diplomatiche fra Giappone e Italia. Organizzato da Urbino International Centre, con il Patrocinio e il supporto del Comune di Urbino (Assessorato alla Cultura), un Giappone, il supporto di Banca Popolare di Ancona, dell’Hotel San Domenico e Hotel Mamiani.  Il programma ha il patrocinio dell’Unione Montana Alta Valle del Metauro.