“Solleviarti”, laboratorio di gaming arte e danza: il saggio finale ad Ancona

38

 

Al Teatrino del Piano, lunedì prossimo, verrà presentato il lavoro svolto nell’ambito del  progetto realizzato da Arci Hexperimenta aps in collaborazione con ASUR Marche – Area Vasta 2, la Rete del Sollievo del Comune di Ancona e COOSS Marche

ANCONA – Verrà presentata lunedì 24 gennaio alle ore 18.00 presso il Teatrino del Piano, grazie al patrocinio del Comune di Ancona, la restituzione finale del laboratorio di gaming, arte e danza SOLLEVIARTI, un progetto di ARCI HEXPERIMENTA APS realizzato in collaborazione con ASUR Marche – Area Vasta 2, COOSS Marche e Rete del Sollievo del Comune di Ancona che unisce soggetti istituzionali ad associazioni locali.

Il laboratorio, che si è tenuto da luglio a dicembre ogni mercoledì presso Casa delle Culture, ha offerto ai partecipanti esperienze che partivano dai paesaggi onirici delle carte di Dixit, parte curata da Giovanni Purpura, per passare attraverso la possibilità espressiva delle arti pittoriche affidata a Hisako Mori e a quella del movimento, con particolare cura del gesto, messa in campo da Stefania Zepponi. I sentimenti hanno offerto il terreno di ricerca, ogni mercoledì dedicato a uno di essi, indagati grazie alla mediazione della gamification e alla esternalizzazione emotiva che le arti favoriscono. L’evento è strutturato come una mostra itinerante in cui presentare i materiali prodotti ma anche raccontare la struttura stessa del laboratorio in maniera interattiva con il pubblico.

Ci saranno 6 stazioni, una per ogni sentimento esplorato negli incontri: AMICIZIA – BONTA’ – CASA – DONNA – FAMIGLIA – GIOVENTU’ – LIBERTA’. Ognuna stazione verrà allestita con le parole emerse e le opere pittoriche prodotte; un gruppo di danzatori, che ha accolto con grande disponibilità la richiesta di partecipare al progetto, mostrerà le sequenze di movimento create dai partecipanti al laboratorio stesso. In ogni stazione verrà anche raccontata ogni volta una parte del lavoro svolto, partendo dalla gamification, passando per l’arte pittorica fino ad arrivare alla danza, in maniera tale che alla fine il pubblico abbia avuto la possibilità di entrare nel percorso proposto e farsi toccare dall’esperienza, a dimostrazione che l’arte può e deve essere una prassi quotidiana di ben – essere. E’ richiesta la prenotazione al n. 339 4507203 o tramite mail all’indirizzo info@hexperimenta.org