Sulla rivista “Dove” si parla di San Severino Marche e del suo territorio

51

Teatro Feronia Dove foto Teresa Balzano

“Qui  l’orologio sembra essersi fermato, lasciando spazio ad un ritmo a misura d’uomo. Paesi che conservano ancora i tratti originali…”

SAN SEVERINO MARCHE – Il magazine “Dove”, periodico della Rcs che fa viaggiare nei piaceri della vita coniugando turismo e lifestyle in un’unica testata, va alla scoperta di San Severino e del suo territorio in un ampio itinerario, curato dalla giornalista Eleonora Lanzetti, dedicato alle “Vacanze nelle Marche in autunno, l’entroterra da scoprire tra foliage, vendemmia e piccoli borghi”.

“Qui – racconta “Dove” – l’orologio sembra essersi fermato, lasciando spazio ad un ritmo a misura d’uomo. Paesi che conservano ancora i tratti originali, i mestieri sono quelli di un tempo, e dove si può ancora vivere un’atmosfera di genuina autenticità. In macchina, in moto o con qualsiasi mezzo, fuori dalle rotte più turistiche e visitando le città meno affollate, lasciandosi guidare dalla curiosità, si può scoprire una regione autentica. A San Severino si arriva nella bella piazza Duecentesca, cuore del borgo. Qui a pochi passi si visitano la Pinacoteca, il settecentesco teatro Feronia, piccolo gioiello di rara bellezza, e la torre del Castello Medievale, alta 40 metri e lievemente inclinata, che spicca nel centro storico come simbolo della città”.

Il tour di “Dove” prosegue poi alla scoperta della natura per presentare “lo spettacolo d’autunno di scena nella faggeta secolare di Canfaito, un ampio altopiano situato alle pendici del monte San Vicino”. Un vero Paradiso meta di tantissimi turisti a caccia dei più belli scatti di un foliage unico ambientato all’interno dell’omonima Riserva Naturale del Monte San Vicino e del Monte Canfaito, gestita dall’Unione Montana Potenza Esino Musone.

Infine la ricettività del territorio: “Il punto di partenza – per “Dove” – per visitare l’entroterra tra Ancona e Macerata, rilassarsi e godere della pace e della riservatezza delle colline marchigiane è Villa Teloni, grande dimora storica al centro di un triangolo che mette in connessione mare, montagna e collina”. La dimora appartenne prima a Giuseppe Coletti e poi a suo figlio Francesco. Il primo, commendatore della Corona d’Italia e cavaliere ufficiale dei Santissimi Maurizio e Lazzaro, fu per oltre trent’anni sindaco di San Severino Marche e poi, per altri vent’anni, ricoprì l’incarico di consigliere comunale. Fu anche consigliere provinciale, presidente e fondatore di molti istituti di beneficenza. Suo figlio, Francesco, illustre studioso in materie economiche, statistiche, agrarie e sociali fu docente di diverse università e autore di oltre cento saggi. Alla Città di San Severino Marche ha lasciato un importante fondo librario oggi conservato presso la biblioteca comunale “Francesco Antolisei”.

L’itinerario completo del periodico Rcs dedicato alle “Vacanze nelle Marche in autunno” è disponibile all’indirizzo https://viaggi.corriere.it/itinerari-e-luoghi/cards/vacanze-nelle-marche-in-autunno/?img=16

Nelle foto: Teatro Feronia, uno de gli scatti dell’itinerario di “Dove” dedicati a San Severino Marche