PUNTARE L’OBIETTIVO di Monica Baldini

32

E quando non sappiamo che decisione prendere ascolta lui come l’eco delle conchiglie che risuonano di mare, come le stelle marine che sanno di salsedine e si concepiscono insieme, come il sole che assume senso sulla terra e il vento che spazzola i pensieri.

Non sappiamo dove andare e cosa fare, non sappiamo cosa decidere ma sappiamo che tutto scorrerà a prescindere, che il giorno scemerà e arriverà la notte, che il senso delle cose si svelerà nel suo procedere. E allora innalziamo la bandiera dell’aspirazione senza paura, tracciamo una via dove sembra esserci oscurità, seminiamo buon senso, tanto buon senso perché pure la terra che ne sembra piena potrebbe averne bisogno. Anche il vaso colmo potrebbe non avere identità, anche chi pesa il suo agire potrebbe sbagliare. Rischiare senza paura, autenticarsi in un metro personale, giusto, equilibrato. Abbisogna cari lettori, sempre più.

Ogni decisione ha la sua conseguenza, anche il non fare eppure implica, perciò nella danza della vita nel suo peregrinare è bene scostarsi dal tepore e dalla tiepidezza e volare, alto se si può o almeno decollare.

E poi tralasciare ciò che non va e andare, andare sempre, verso l’obiettivo. Puntarlo e ripuntarlo. Non ci sono certezze se non che la vita è forte quanto l’amore quanto l’umiltà di sapersi piccoli di una grandezza eterna insieme.

Una profonda coscienza aiuta a porsi in empatia, a porsi nella via che seppur possa apparire scomoda, apparirà invero alla fine quella giusta.

Monica Baldini