L’Italiana in Algeri di Rossini debutta al Teatro della Fortuna di Fano

93

La nuova produzione della Fondazione Rete Lirica delle Marche è affidata alla regista Cecilia Ligorio in collaborazione con il Rossini Opera Festival e con l’Accademia Rossiniana “Alberto Zedda” di Pesaro

FANO  (PU) – Sarà il Teatro della Fortuna di Fano, sabato 5 febbraio 2022 alle 20.30, ad ospitare il debutto dell’Italiana in Algeri di Gioachino Rossini, nuova produzione della Stagione 2021/2022 della Fondazione Rete Lirica delle Marche, recuperata dal 2020 quando – alla vigilia del debutto – i teatri furono chiusi per contrastare la pandemia. La ripresa di questa produzione, la cui “prima” sarebbe coincisa proprio con il primo giorno di lockdown, vuole essere il simbolo della lotta portata avanti dai teatri in questi anni difficili e sottolinea la volontà della Fondazione di mantenere gli impegni con gli artisti e le maestranze coinvolte; inoltre desidera essere un segnale di ripresa, di “ricominciamo da dove eravamo rimasti”, per portare in scena una produzione impegnativa, simbolo della progettualità della Rete Lirica delle Marche.

Il nuovo spettacolo prodotto dal circuito dei teatri marchigiani – in anteprima per i giovani under 30 giovedì 3 febbraio alle 17.00 –, è firmato da Cecilia Ligorio – regista, librettista, attrice e drammaturga veronese, con studi all’Accademia “Silvio D’Amico” di Roma. Sul podio dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini ci sarà l’energia e la brillantezza di un astro emergente come Ferdinando Sulla; le scene sono di Gregorio Zurla, i costumi di Vera Pierantoni Giua, le luci di Fabrizio Gobbi, riprese da Marco Scattolini e Alberto Cannoni. Il Coro è quello del Teatro della Fortuna preparato da Mirca Rosciani.

Una delle opere più celebri del repertorio buffo di Gioachino Rossini (1792 – 1868), L’Italiana in Algeri venne rappresentata per la prima volta al Teatro di San Benedetto di Venezia il 22 maggio del 1813; il titolo viene considerato come uno dei massimi contributi per il rinnovamento dell’opera buffa italiana grazie a un nuovo stile nell’organizzazione dei numeri comici e nell’orchestrazione delle scene d’insieme; in repertorio per tutto l’Ottocento, l’Italiana lentamente scomparve per poi essere ripresa negli anni Venti del Novecento e riconquistare un posto fra le opere più rappresentate di oggi.

Fano, Teatro della Fortuna
sabato 5 febbraio 2022, ore 20.30
Anteprima giovani, giovedì 3 febbraio 2022, ore 17

Fermo, Teatro dell’Aquila
sabato 12 febbraio, ore 21
anteprima giovani, giovedì 10 febbraio, ore 17

Ascoli Piceno, Teatro Ventidio Basso
sabato 19 febbraio ore 20.30
anteprima giovani, giovedì 17 febbraio, ore 17