‘La musica nel ricordo della Grande Guerra’, concerto a Urbino

La musica nel ricordo della Grande GuerraURBINO – Un concerto segna la fase conclusiva della mostra “Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie” dedicata alla Prima guerra mondiale, inaugurata lo scorso 30 aprile negli spazi della DATA – Orto dell’Abbondanza, che rimarrà aperta al pubblico fino a domenica 15 aprile. Sabato 14 maggio, nella Sala del Maniscalco alle ore 17.00, ci sarà una esibizione con musiche del Risorgimento italiano (guerre di indipendenza), fino alla Grande Guerra del 1915-18. L’Orchestra di Strumenti a Fiato di Urbino, diretta dal M° Michele Mangani, presenta, dopo l’esecuzione dell’Inno di Mameli, e di Urbino Fanfare and Theme, quattro brani arrangiati dallo stesso maestro, preceduti da un breve commento storico a cura del prof. Carlo Inzerillo.

I brani musicali scelti sono: “Coro e marcia”da Ernani di Giuseppe Verdi; “Risorgimento musicale”, un insieme di canti celebri del periodo più acceso delle lotte per l’indipendenza (Addio mia bella addio, Marcia reale, La bandiera tricolore, Camicia rossa, Suoni la tromba, O Signore dal tetto natìo (coro dall’opera di Verdi I Lombardi alla prima crociata), La bella Gigogin, L’addio del bersagliere, La ronda, Inno di Garibaldi e Inno di Mameli; “Inno delle Nazioni”, composto da Giuseppe Verdi inneggiante all’unione tra i popoli nel nome dell’arte in occasione dell’Esposizione Internazionale; “La Grande Guerra”, composta da Michele Mangani in occasione del centenario della Prima Guerra Mondiale, si tratta di un affresco musicale, che racchiude i canti più in voga di quel periodo, magistralmente armonizzati e strumentati per l’organico bandistico. I temi utilizzati sono i seguenti: Il Capitan della compagnia, La Tradotta, La leggenda del Piave, Ta pum, Sul ponte di Bassano, Sul Cappello, Val Sugana, La Canzone del Grappa, La Campana di San Giusto.

Intanto prosegue fino a domenica 15 maggio la mostra “Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie”. L’esposizione presenta cimeli, documenti originali, cartine, lettere, manifesti, cartoline, oggetti personali, armi e immagini che consentiranno di ripercorrere il periodo della prima guerra mondiale, attraverso testimonianze di vario genere. Quanto esposto proviene da varie collezioni private: si tratta spesso di pezzi di grande rarità, tramandati all’interno delle famiglie che hanno avuto fra loro persone che hanno partecipato al primo conflitto mondiale. La mostra è organizzata dalla Pro Urbino, ed è sostenuta e promossa dal Comune di Urbino assieme alla Prefettura di Pesaro e Urbino. Il progetto rientra nel programma di governo per le commemorazioni del Centenario della prima Guerra mondiale curato dalla Struttura di Missione per gli anniversari di interesse nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri.