Corinaldo, “Eco di Dante”: il 23 maggio 2021 ultimo appuntamento

14

L’ iniziativa ideata dal Comune di Corinaldo, in collaborazione con l’Unitre, dedicata a Dante Alighieri nell’anno dell’anniversario dei 700 anni dalla sua morte

CORINALDO – Domenica 23 maggio 2021 terzo appuntamento con l’ “Eco di Dante”, iniziativa ideata dal Comune di Corinaldo in collaborazione con l’Unitre nell’anno dedicato all’anniversario dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.

Terzo incontro che anche nel numero delle proposte ricalca la terzina dantesca tipica della Commedia; proprio come nell’opera, nel terzo capitolo torniamo a rivedere le stelle, ci svincoliamo in parte dal digitale e vi aspettiamo per una serie di piccoli eventi nel Comune di Corinaldo. Non a caso in quest’ultimo appuntamento il dialogo prenderà corpo tra Dante e Corinaldo attraverso una serie di suggestive iniziative negli spazi comunali e una conferenza che si baserà su un frammento della Commedia legato al comune corinaldese e sui luoghi della Commedia con Italo Pelinga. La conferenza si terrà presso la Sala Comunale “A.Ciani” alle ore 17.00.

Turisti e cittadini verranno coinvolti nella registrazione di alcuni brani della Commedia in un’installazione sonora che prenderà forma nella piazzetta della Musica. Nel Teatro Comunale aperto per l’occasione dalle 15.00 alle 19.00 verrà creata un’altra installazione visiva e sonora sul VI canto dell’Inferno partendo da un’opera dell’artista Federico Sinatti. A conclusione del programma alle 17.00 nel giardino degli innamorati un evento dedicato ai bambini a cura del Corilab.

La conferenza e l’attività per i bambini sono disponibili per un numero limitato di persone per tanto si consiglia la prenotazione presso Ufficio IAT Tel. 071 7978636 Email iat1@corinaldo.it

«Dopo aver tenuto vivo il dialogo su Dante anche a distanza in questo periodo di pandemia in cui le relazioni umane sono state mediate dai mezzi digitali – dichiara l’assessore Giorgia Fabri – siamo felici di poter concludere questo primo ciclo di appuntamenti sul Sommo Poeta tornando finalmente a incontrare dal vivo le persone in teatro, nelle piazze e nei luoghi più suggestivi del centro storico.»