Civitanova, detenzione ai fini di spaccio di droga: ai domiciliari un 28enne

27

CIVITANOVA MARCHE – La notte scorsa i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Civitanova, guidati dal Sottotenente Alfredo Russo, hanno tratto in arresto in flagranza di reato un ventottenne civitanovese poiché ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I fatti si sono verificati in Porto Potenza Picena, ove era in corso specifica attività antidroga e gli investigatori stavano approfondendo talune dinamiche segnalate da residenti della zona in ordine ad insoliti andirivieni di soggetti sconosciuti, quando hanno fermato e controllato un giovane che, apparso subito nervoso, preoccupato ed insofferente al controllo, sebbene non avesse nulla con se, ha comunque dichiarato avere una piccola quantità di stupefacente presso il suo domicilio poco distante.

In effetti, le accurate attività di ricerca hanno consentito di recuperare nell’abitazione dell’uomo, oltre alla piccola quantità di stupefacente spontaneamente consegnato, anche ulteriori 34 grammi di marijuana, quasi un etto di hashish, una dose di cocaina, un bilancino elettronico di precisione, l’involucro di confezionamento per lo stupefacente, la somma contante di euro 730,00 in banconote di vario taglio, ritenute provento dell’attività di spaccio.

Il giovane è stato quindi accompagnato in caserma, sottoposto a rilievi fotografici e dattiloscopici e dichiarato in arresto per l’ipotesi di detenzione ai fini di spaccio dello stupefacente ex art. 73 del d.p.r. 309/90 e s.m.i., quindi, su espressa disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica D.ssa Stefania Ciccioli, sottoposto al regime degli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida ed il giudizio di rito, fissato per le ore 10.00 di oggi 15 ottobre 2021 presso il Tribunale di Macerata, ove sarà accompagnato dai militari operanti e difeso dall’Avv. Nicola Piccinini del Foro di Macerata.

Lo stupefacente, il materiale ed i soldi sono stati invece sottoposti a sequestro e messi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.