Calcio a 5, l’Italservice Pesaro vince il suo primo scudetto

PESARO – Al Palaroma di Montesilvano, in gara5, l’Italservice Pesaro batte l’AcquaeSapone Unigross e vince la finale scudetto. Per i ragazzi di Colini si tratta del primo tricolore. Una palla gestita male dai padroni di casa a 2’ dalla fine dei supplementari decide il campionato. Coco Wellington controlla male un pallone, Borruto lo anticipa e arriva il sesto fallo con tiro libero: Marcelinho firma il gol scudetto.

Lo scenario è davvero da grande avvenimento. Palazzetto pieno ai limiti del possibile e clima bollente. Se ne vanno cinque minuti di equilibrio totale, con i primi scontri al limite che impegnano anche gli arbitri a mantenere la gara dentro i limiti della correttezza. Al 7’ la prima parata importante di Mammarella sul rasoterra di punta firmato Honorio. Al 9’ il portierone di casa è stratosferico su Fortini rimasto solo in area e libero di calciare un rigore in movimento. Ancora ospiti all’11’ con un diagonale di Borruto che si spegne a lato. La squadra di Pérez gestisce, pur faticando, ma passa alla prima occasione, con una punizione di Cuzzolino.

Pochi minuti e gli ospiti trovano il pari con un sinistro a giro di Salas. L’1 a 1 dopo 12’ è lo specchio fedele del match e della stagione. Da segnalare anche un palo di Marcelinho al 15’ su sinistro dalla distanza. La risposta nerazzurra a 3’ dalla pausa con la girata di De Oliveira dal limite. I nerazzurri ci sono e manovrando costringono il Pesaro al 5° fallo prima dell’intervallo. Miarelli dice no al tiro ravvicinato di Coco Wellington. A 5’ dalla sirena Calderolli ad un passo dal raddoppio.

Pronti via nella ripresa ancora Mammarella su Canal e Miarelli su Lima. Si scalda l’aria già torrida sul parquet. Al 5’ il portiere marchigiano è provvidenziale sul tap in da un metro di Calderolli. Si gioca a fiammate da una parte e dall’altra, un thrilling continuo. Quando Cuzzolino imbuca per Lima, tremano le pareti al Palaroma. Al 10’ ancora asse Mammarella, Calderolli, Cuzzolino: Miarelli c’è. E’ questione di dettagli.

All’11’ il Pesaro brucia l’AcquaeSapone con una ripartenza fulminea concretizzata da Borruto sotto la traversa. Gelato il palazzetto. De Oliveira suona la carica a 6’ dalla fine, ancora una volta il portiere ospite decisivo. Ma ci vuole un guizzo, una giocata individuale di qualità. Ci pensa il folletto Jonas, infilandosi tra le maglie pesaresi e costringendo Miarelli a fare fallo in area. Rigore, Lukaian rompe la porta e pareggia. Mancano 5’. Pazzeschi. Si gioca sul filo del rasoio, e arriva veloce la fine del tempo. Si va all’extratime.

Il primo tempo è una partita a schacchi, pochi rischi e i primi segni della fatica che cominciano a farsi sentire. Finale dei supplementari da infarto. Miarelli para su Lima, poi Ercolessi non centra la porta con il portiere che rientrava e ancora fuori dai pali. Ma a 2’ dalla fine, Pérez ci prova con Coco portiere di movimento, Burruto scappa e arriva il sesto fallo per i marchigiani. Tiro libero che batte Marcelinho. L’incubo si materializza sul Palaroma, non bastano due minuti di cuore con il portiere di movimento. Lo scudetto è del Pesaro. Appuntamento a settembre per la Supercoppa italiana.

ACQUAESAPONE UNIGROSS – ITALSERVICE PESARO 2-3 (p.t. 1-1, s.t. 2-2)
ACQUAESAPONE UNIGROSS: Mammarella, Ercolessi, Lima, Marrazzo, Cuzzolino, Murilo, Calderolli, Lukaian, De Oliveira, Fiuza, Casassa, Coco Wellington, Avellino, Jonas. All. Pérez.
ITALSERVICE PESARO: Miarelli, Del Grosso, Fortini, Salas, Honorio, Borruto, Canal, Taborda, Marcelinho, Guennounna, Mateus, Polidori, Borea, Msncuso. All. Colini.
ARBITRI: Malfer di Rovereto, Pezzuto di Lecce, Di Guilmi di Vasto, crono Caracozzi di Foggia.
RETI: nel p.t. 11’21’’ Cuzzolino (A), 12’27’’ Salas (P); nel s.t. 10’57’’ Borruto (P), 14’10’’ Lukaian (A, rig.); s.t.s. 3’06’’ Marcelinho (P, t.l.).
NOTE: spettatori 2000 circa; espulsi ; ammoniti Borruto (P), Cuzzolino (A), Mateus (P), Miarelli (P), Taborda (P), Mancuso (P), Lima (A).