“Sequestrata e stuprata”, arrestato un ex pugile congolese

SENIGALLIA – Sequestrata e violentata da un ex pugile, in una stanza di un affittacamere a Senigallia. È quanto ha denunciato una 40enne italiana ai poliziotti del Commissariato che hanno arrestato un 30enne di origine congolese. A chiamare il 113 è stato il titolare della struttura ricettiva.

“Mi ha violentata”, ha riferito la donna al proprietario del piccolo hotel. La donna si è poi rifugiata in un albergo vicino, dove la polizia l’ha trovata. La visita al pronto soccorso ha confermato la violenza. Con l’uomo successivamente arrestato si erano conosciuti la sera prima in un locale, poi una scusa per salire nella camera di lui, da dove lei non era potuta più uscire.

Alcuni turisti che soggiornavano in una stanza accanto, l’avrebbero sentita, ma non avrebbero realizzato che stava chiedendo aiuto. L’uomo ora è nel carcere di Montacuto.