San Severino, emergenza Coronavirus: invito a limitare le visite agli anziani della Casa di riposo

27

SAN SEVERINO MARCHE – Un invito a limitare le visite agli anziani ospiti della Casa di riposo “Lazzarelli” di San Severino Marche è arrivato dalla direzione dell’azienda pubblica dei servizi alla persona che all’ingresso della storica sede di viale Eustachio ha già affisso da giorni cartelli che vietano invece categoricamente l’ingresso a tutti i soggetti che siano stati in visita, nelle ultime settimane, nelle zone più a rischio coronavirus Covit-19.
“Abbiamo alzato il livello di guardia in una struttura che ospita soggetti anziani e fragili, i più colpiti da questa emergenza – sottolinea la presidente della struttura, Teresa Traversa – Ascoltando la preoccupazione stessa di nonnini e nonnine, che seguono ovviamente le notizie di queste ore sui giornali e dai telegiornali, di comune accordo con il sindaco e le autorità sanitarie, abbiamo deciso di mettere in atto tutta una serie di buone pratiche raccomandate anche dal Ministero della Salute. Ai familiari dei nostri ospiti abbiamo chiesto di limitare un po’ le visite trovando subito grande comprensione visto il momento che tutti stiamo vivendo. Le nostre limitazioni e i nostri inviti sono un po’ più decisi per le persone che vengono da fuori e che non hanno magari un legame diretto con i nostri ospiti, è il caso di amici o conoscenti. A loro chiediamo proprio di evitare prudenzialmente l’ingresso in struttura fino a data da destinarsi. All’interno, comunque, le attività per i nostri ospiti si svolgono con la più assoluta normalità e senza disagi o disservizi di sorta”.
Alla Casa di riposo “Lazzarelli” è stato per questo festeggiato anche il Carnevale.
Nei vari piani del grande stabile che accoglie in tutto una novantina di persone, sono stati sistemati appositi dispenser in gel per la pulizia delle mani mentre i carrelli del personale di servizio e delle pulizie sono stati tutti dotati di specifici disinfettanti per superfici.
Anche ai fornitori esterni è stato raccomandato un percorso per evitare il contatto diretto con gli ospiti e con gran parte del personale che è stato invitato ad applicare le misure di prevenzione per la diffusione delle infezioni per via respiratoria e invitato, qualora si ravvisino i primi sintomi di tosse o raffreddore, a restare a casa.
Il primo cittadino settempedano, Rosa Piermattei, tramite la presidenza e la direzione della struttura ha fatto sentire la vicinanza delle istituzioni agli ospiti della Casa di riposo in queste stesse ore cercando di tranquillizzare nonnini e nonnine.
E sempre il sindaco Piermattei nei giorni scorsi ha indirizzato ai dirigenti scolastici degli istituti settempedani un invito a “tenere alta la guardia” senza allarmismi ma prestando la massima attenzione e raccomandando, anche al personale della scuola, la più importante di tutte le azioni: sensibilizzare e responsabilizzare le persone sui giusti comportamenti da tenere, gli stessi indicati dal Ministero della Salute.