San Severino, agevolazioni tariffarie luce e gas: nota informativa dal Comune

12

SAN SEVERINO MARCHE – Il Comune di San Severino Marche ricorda, in accordo con l’Anci regionale, che a seguito del terremoto 2016 il Governo ha adottato varie disposizioni disponendo, tra l’altro, con Delibera Arera 429/20:
– la proroga fino al 31.12.20 delle agevolazioni tariffarie, già previste dalla Delibera 252/17,
– la proroga al 30 giugno 2021 del termine ultimo per l’emissione della fattura di conguaglio.
Alle forniture domestiche, non domestiche e della Pubblica Amministrazione (ad eccezione delle forniture per illuminazione pubblica) vengono applicate le agevolazioni dal proprio fornitore di energia elettrica e/o gas.
Le agevolazioni saranno riconosciute in modo automatico:
– alle forniture attive alla data del sisma nei Comuni del cratere sismico (ad eccezione dei 6 Comuni di Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto) definiti dagli allegati 1, 2, 2bis del DL 189/16;
– alle forniture relative alle Strutture Abitative di Emergenza (SAE), ai Moduli Abitativi Provvisori Rurali di Emergenza (MAPRE), ai servizi generali delle suddette strutture e alle forniture site nelle aree di accoglienza temporanea e negli immobili ad uso abitativo per assistenza alla popolazione;
– alle forniture site in una zona rossa attive alla data degli eventi sismici.
In modo non automatico, ovvero a seguito di presentazione di apposita richiesta scritta da presentare al proprio fornitore di energia elettrica e/o gas entro il 31 dicembre 2020:
– alle forniture attive alla data del sisma su richiesta dei singoli soggetti danneggiati che abbiano dichiarato l’inagibilità del fabbricato nei 6 Comuni di Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano, Spoleto;
– alle forniture attive alla data del sisma su richiesta dei singoli soggetti danneggiati che abbiano dichiarato l’inagibilità del fabbricato in una delle Regioni colpite dal sisma (Abruzzo, Lazio, Marche, Umbria);
– alle forniture in “portabilità”, ovvero di clienti che si sono trasferiti altrove per inagibilità del proprio immobile originario ubicato nei Comuni del cratere;
– alle forniture site nei moduli temporanei abitativi (MAP) e destinate ai soggetti colpiti dagli eventi sismici e alle forniture temporanee ad uso abitativo, quali ad esempio roulotte e camper.
Nel caso in cui il cliente finale non abbia ancora trasmesso al proprio fornitore di energia elettrica e/o gas la documentazione necessaria per l’applicazione delle agevolazioni non automatiche, potrà provvedere entro il 31 dicembre 2020.
Se l’importo totale da pagare della fattura di conguaglio sarà superiore a 50€, tale importo sarà automaticamente rateizzato senza interessi (in massimo 36 mesi con rata minima di 20€).
È fatta salva la facoltà per il cliente finale, previa apposita richiesta scritta o comunque documentabile, di provvedere al pagamento in maniera non rateizzata.
Si ricorda che, qualora un immobile sia stato reso inagibile dagli eventi sismici che hanno interessato il Centro Italia tra il 2016 e il 2017, si può richiedere la disattivazione/riattivazione del punto di fornitura, gratuitamente entro il 31 dicembre 2020.
È preferibile comunicare al proprio fornitore di energia elettrica e/o gas, se possibile, la lettura del contatore. Tale comunicazione può essere utile a conteggiare i consumi effettivi soprattutto se, a causa degli eventi sismici, non è stato possibile rilevare la lettura del contatore.