Salvini ad Ascoli Piceno: “I marchigiani non sono scemi”

ASCOLI PICENO – “Credo sempre poco ai sondaggi ma, se si votasse oggi in Umbria, dopo 50 anni la sinistra va a casa e vince la Lega. Quindi vi chiedo di tenere vivo questo entusiasmo anche nelle Marche. Qui si vota in primavera e uno pensa che c’è un sacco di tempo, invece è dietro l’angolo. Ma se voi non mollate, io se il buon dio mi dà energia non mollo e il Governo ce lo riprendiamo, vi aspetto a Roma il 19 ottobre”. Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini durante un comizio ad Ascoli Piceno.

“Ringrazio Ascoli e le Marche, qui mi sento a casa mia – ha aggiunto – Occorre costruire un programma per la Regione che si occupi di sanità, ci sono situazioni indecenti. Non può essere che se uno ha una visita urgente deve pagare, sennò si attacca al tram”. Infine “hanno messo alle infrastrutture quella che si è occupata del terremoto; è un bel match fra la De Micheli e Toninelli. Pd e 5 stelle si vogliono alleare ovunque: fate pure, ma sappiate che i marchigiani sono tutto fuorché scemi”, ha concluso Salvini.

Questo, invece, quanto scritto da Salvini sulla sua pagina Facebook: “Amici ascolani, grazie per avermi aspettato fino alle dieci di sera: nella vostra meravigliosa città, che regala a chi arriva uno dei più spettacolari centri storici d’Italia, mi sento sempre a casa. Alle elezioni di primavera sono sicuro che anche qui nelle Marche con la forza, la costanza e le buone idee della Lega renderemo il PD al governo in regione solo un brutto e lontano ricordo!”.