Rissa a San Severino, Daspo urbano per 4: per un anno vietato l’accesso ai locali

17

I provvedimenti sono stati adottati dal Questore di Macerata nei confronti di soggetti che avevano partecipato  a una rissa lo scorso maggio e che erano stati denunciati dai Carabinieri

MACERATA – Il 2 maggio scorso, a seguito di attività di Polizia Giudiziaria condotta dall’Arma dei Carabinieri, venivano identificati e successivamente deferiti in stato di libertà, quattro soggetti i quali, presso un bar di San Severino Marche, si erano resi responsabili di una rissa.
Sulla scorta della sopra indicata attività condotta dalla locale Stazione dei Carabinieri, il Questore di Macerata ha adottato nei confronti dei quattro soggetti, di eta’ compresa tra 48 e 63 anni, con precedenti a carico per reati contro il patrimonio, in materia di spaccio di sostanze stupefacenti, reati contro la persona e contro l’ordine pubblico, altrettanti provvedimenti relativi al cosiddetto DASPO URBANO.
In forza di tali provvedimenti, ai predetti è stato vietato, per la durata di un anno, l’accesso a tutte le attività di mescita sedenti a San Severino Marche (MC) in Viale della Resistenza e nell’attiguo piazzale del Commercio e lo stazionamento nelle immediate vicinanze delle stesse. Com’è noto, la misura del DASPO URBANO, mira a sanzionare la condotta di chi ostacola l’accesso e la libera fruizione di determinati luoghi pubblici, e in generale si propone di contrastare il degrado urbano comportato da condotte quali bivacchi non autorizzati, accattonaggio, comportamenti molesti da parte di soggetti in stato di ubriachezza, etc.