Recanati, riaperto al pubblico l’Orto sul Colle dell’Infinito

12

RECANATI – Una tempesta di vento e pioggia domenica 27 febbraio ha abbattuto il Pinus halepensis alto 20 metri che da oltre cento anni ombreggiava la radura dell’Orto sul Colle dell’Infinito, Bene affidato al FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano dal Comune di Recanati nel 2017, e dal 2019 aperto regolarmente al pubblico, inserito in un percorso di valorizzazione intitolato alla celebre poesia di Giacomo Leopardi che include il vicino Centro Nazionale di Studi Leopardiani.
Il Comune, proprietario dell’Orto, ha subito avviato i lavori di rimozione che hanno richiesto diversi giorni, e grazie alla tempestività del suo intervento il Bene può riaprire al pubblico  oggi, 19 marzo. L’Orto, pertanto, sarà visitabile anche il 26 e 27 marzo, in occasione delle Giornate FAI di Primavera, la grande manifestazione annuale organizzata dal FAI a livello nazionale – presentata ieri in conferenza stampa al Salone del Ministro della Cultura – che coinvolge centinaia di luoghi in tutta Italia, aperti eccezionalmente da migliaia di volontari, compresi i Beni del FAI.
Il pino era oggetto di regolare manutenzione: dal 2019 erano stati eseguiti due interventi di potatura, alleggerimento e riequilibrio della chioma, particolarmente necessari perché l’albero era inclinato e affondava le radici in un terreno incoerente, frutto di riporti recenti che per di più ne avevano interrato il colletto, indebolendolo; e così ha ceduto al suo stesso peso sotto la forte e improvvisa spinta della tempesta.