Pesaro, Musica Leggendaria – dal Mito al Medioevo: il 29 marzo al Teatro Rossini

L’Orchestra Sinfonica G. Rossini,diretta da David Mukeria, in brani di Filippini e Beethoven

PESARO – Venerdì 29 marzo 2019,alle  ore 21.15, al  Teatro Rossini  concerto dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini in formazione completa per il terzo evento di Musica per Pesaro Unesco. In programma Musica Leggendaria – dal Mito al Medioevo, un appuntamento ricco di brani capaci di richiamare suggestioni legate ad un mondo glorioso e leggendario narrato in tante celebri pagine letterarie.

Due i compositori. Uno giovane, pesarese e contemporaneo, Cristiano Filippini. L’altro, un riferimento imprescindibile per tutti, Ludwig van Beethoven.
Sarà David Mukeria a dirigere la Rossini in questo appuntamento. Il noto direttore georgiano, dopo il successo riscosso dallo Stabat Mater di Rossini al Teatro della Fortuna di Fano lo scorso novembre, progetto a cura dell’Accademia Internazionale di Canto “Città di Pesaro”, del Centro Musicale di Batumi, della Confcommercio e della CariFano, prosegue la collaborazione con la compagine pesarese con l’auspicio di costruire un legame sempre più forte a cavallo fra Italia e Georgia.
Di Filippini, Swords and Flames (Spade e Fiamme), una composizione ad alto tasso evocativo che di fatto immergerà l’ascoltatore in un’ambientazione epica popolata di prodi cavalieri in eterna lotta a difesa della gloria, del valore e dell’onere. Si tratta della seconda collaborazione dell’OSR con il giovane compositore pesarese dopo la felice esperienza sempre al Teatro Rossini di Pesaro nel 2012.
Di Beethoven, tre le ouverture proposte: da Coriolano, Egmont e Le creature di Prometeo. In Coriolano il sentimento grandioso dell’antichità ed il contrasto tragico tra due principi incarnato nei due temi della sonata hanno un’applicazione essenziale che in qualche modo riassume quanto già espresso nell’Eroica (Sinfonia n. 3) e nella Quinta. In Egmont l’ouverture esaurisce in un’impressionante sintesi tutto il messaggio legato alla libertà e al vitalismo dell’autore tedesco ponendosi come caposaldo del pensiero beethoveniano accanto a Fidelio e alle altre opere eroiche. Ne Le creature di Prometeo come indica il titolo viene ripreso il celebre mito in cui Prometeo ebbe il merito di aver affinato gli esseri umani attraverso le scienze e le arti e di aver offerto loro leggi universali. L’ouverture si apre pomposamente in un clima di festa teatrale ed è conclusa dal festoso epilogo in cui appare l’idea melodica che verrà utilizzata poi anche per una serie di variazioni pianistiche e per il finale dell’Eroica.

Biglietteria
Posto di Platea e Posto di Palco I ordine e di II ordine € 15 (€ 12 ridotto)
Posto di Palco III ordine € 12 (€10 ridotto)
Posto di Palco IV ordine € 8