Pesaro, inaugura l’ambulatorio medico a Borgo Santa Maria

37

Venerdì il taglio del nastro degli spazi di via Lancisi “recuperati” da quelli della biblioteca Rodari su richiesta del Consiglio di quartiere; ospiteranno anche la sede Auser e l’anagrafe

PESARO – Festa venerdì a Borgo Santa Maria per i ritrovati spazi di via Lancisi 1/3. Da lunedì infatti le ex sale della biblioteca di quartiere ospiteranno gli studi di due medici di medicina generale ripristinando l’attività ambulatoriale che, nel Quartiere 8, mancava da più di un anno.

«Siamo molto felici di poter restituire ai residenti un servizio necessario. L’inaugurazione dell’ambulatorio è frutto di un lavoro condiviso con il Consiglio di quartiere che come Amministrazione abbiamo seguito con impegno. Passo dopo passo stiamo valorizzando la zona attraverso la riqualificazione di spazi, ripensati per essere fruiti nel modo più funzionale e utile ai pesaresi» hanno sottolineato Sara Mengucci, assessora alla Solidarietà e Riccardo Pozzi, assessore al Rigore presenti ieri pomeriggio al taglio del nastro insieme ad Andrea Biancani, vicepresidente del Consiglio regionale delle Marche, al dottor Massimo Garrasi, uno dei due medici (l’altro è la dottoressa Brunella Radi) che farà attività ambulatoriale negli spazi di via Lancisi, ai residenti e al Consiglio di quartiere.

L’ambulatorio di via Lancisi è stato realizzato grazie allo spostamento della biblioteca “Gianni Rodari”, inaugurata a luglio 2020 in via dell’Indipendenza liberando spazi ripensati per dare risposte a diverse necessità dei cittadini.

«La prima, la più urgente e sentita, era quella di reinserire medici di base. Durante la progettazione, grazie all’ottimo lavoro svolto dagli uffici comunali, siamo riusciti a ricavare una sede anche per la sede Auser, che condividerà gli spazi con l’ufficio anagrafe creando un polo di servizi importante per tutto il territorio» spiegano Mengucci, Pozzi e l’assessora alla Coesione Mila Della Dora.

I due studi medici (da 16 e 18 mq) le due sale d’attesa e i servizi igienici sono collocati nella struttura che ospita anche la sede Auser Pozzo d’Argento e gli uffici dell’Anagrafe: «Abbiamo ripensato a un utilizzo della struttura trovando soluzioni per le diverse necessità della comunità. Un progetto ambizioso, proposto e concretizzato dal Consiglio di Quartiere e nato dall’esigenza del territorio. È anche un meraviglioso esempio di riqualificazione virtuosa di una struttura» ha detto il presidente del Consiglio di Quartiere Michele Alessandrini, aggiungendo un ringraziamento ai «cittadini volontari che hanno contribuito materialmente al progetto. Inauguriamo un polo di servizi nel e per il territorio, frutto di una sinergia con l’Amministrazione comunale, che ringraziamo per la tempestività e la disponibilità, e dell’impegno del vicepresidente del Consiglio regionale Biancani».

Una bella ma non unica conquista per il quartiere: è infatti prevista a breve la sistemazione della struttura nel Parco del Foglia, nota come “Pallone”, e sono già stati destinati fondi per i lavori per la messa in sicurezza e l’efficientamento energetico della scuola di Borgo Santa Maria.