Pesaro, confermato il mercato del martedì

43

Frenquellucci: “No al panico, Pesaro non deve fermarsi”

comune di Pesaro logoPESARO – Il mercato del martedì si svolgerà regolarmente. La nota esplicativa in merito all’ordinanza della Regione Marche in materia di contenimento e gestione del COVID-19 diramata martedì 25 febbraio dalla Regione Marche, non limita in alcun modo lo svolgimento di numerose categorie di attività commerciali e non. Infatti sono confermati i mercati rionali e comunali, ovvero le attività commerciali svolte ordinariamente e programmate.

“Pesaro non deve fermarsi – così l’assessore all’Innovazione con delega alle Attività Economiche Francesca Frenquellucci -. E’ importante non farsi prendere dal panico. Il mercato del martedì si svolgerà regolarmente. Così come saranno aperte tante altre attività commerciali e produttive”.

Inoltre consentite anche tutte le attività economiche, agricole, produttive, commerciali, di servizio e ricettive, compresi i pubblici esercizi e le mense, nonché le attività corsistiche aziendali, che non comportano significative concentrazione di persone.

Aperti i luoghi di svolgimento dell’attività corsistica di vario tipo (es. centri linguistici, centri musicali e scuola guida), gli impianti sportivi (centri sportivi, palestre pubbliche e private, piscine pubbliche e private, campi da gioco etc.), e in generale tutte le strutture quando le attività non prevedano aggregazione di pubblico (“porte chiuse”) o eccezionali concentrazione di persone.

Regolare sarà lo svolgimento anche di tutte le attività che attengono all’ordinario svolgimento della pratica corsistica e amatoriale (corsi di varia natura e allenamento sportivi).

Consentite le attività svolte da guide e accompagnatori turistici (limitatamente a gruppi composti da non oltre le 10 persone).

Aperti i centri di aggregazione sociale (circoli ricreativi, centri sociali, centri giovanili, centri per anziani, orti urbani, ecc.) per la parte di ordinaria attività.

Non possono essere ricomprese nella sospensione, le attività di sostegno, supporto e riabilitazione alle persone anziane e diversamente abili (es: servizi semiresidenziali e centri diurni) e attività di accoglienza per persone in situazioni di fragilità sociale (es: centri di pronta accoglienza).

Non si intendono sospese, infine, le celebrazioni civili di matrimoni ed esequie. Per quanto attiene alle celebrazioni religiose si rinvia alle disposizioni adottate dai Vescovi delle Marche in data 25 febbraio 2020 nonché alle eventuali disposizioni adottate dagli organi delle altre Comunità religiose