Pesaro, al centro sociale Monaldi di Celletta lo scambio di auguri

21

Lunedì si sono incontrati volontari, Amministrazione, Aspes e Auser. Consegnati panettoni e salumi ai 170 di “Volentieri Volontari”. Ricci e Della Dora: «Grazie per la vostra lezione di educazione civica quotidiana»

PESARO – «Un piccolo gesto che rivolgiamo a persone speciali che si prendono cura della città» così il sindaco Matteo Ricci ha ringraziato i 170 “Volentieri Volontari” incontrati  nella sede del centro socio culturale Novecento “Pino Monaldi”, a Celletta, insieme all’assessora alla Coesione e al Benessere. Un piccolo momento di incontro e scambio di auguri che ha sostituito, per il secondo anno, il tradizionale cenone di Natale.

«Questo progetto, tra i più innovativi che abbiamo promosso – ha detto Ricci -, ha il grande merito di tenere attiva una fascia di popolazione che “sa fare” e che ha voglia di fare. Uno spirito positivo che ci avete tramandato e che, come Amministrazione, proviamo a portare avanti». La dedizione dei volontari è segno di «una responsabilità. Quella di essere parte attiva di una città, rappresentanti di una comunità che vuole crescere, far bella figura e trasmettere buoni valori». Un ruolo di ambasciatori, di testimoni del valore del prendersi cura dell’altro che il sindaco ha chiesto ai volontari di rivestire anche per «spingere chi ancora non l’ha fatto a vaccinarsi». A Pesaro sono ancora il 21%, «Dietro a questa resistenza c’è il disinteresse per la salute degli altri. Dobbiamo cogliere e diffondere il senso civico di una sfida comune, che vinciamo solo se riusciamo il più possibile a difenderci. Approfittiamo delle feste per convincere ancora chi non si è vaccinato».

A sottolineare la grande dedizione dei volontari, anche Della Dora: «Non vedevamo l’ora di ringraziarvi per il lavoro immenso che fate curando centinaia di aree verdi del territorio. Non siamo riusciti a fare la consueta cena ma ci tenevamo a incontrarvi per darvi un “grazie” speciale: il vostro intervento ha un grande valore sociale e riesce ad affascinare sempre più pesaresi. Siete un buon esempio umano e professionale, soprattutto per le nuove generazioni».

Un “grazie” simbolico – panettoni e salsicce e salami della macelleria Bavosi – è stato consegnato a ciascuno dei partecipanti al progetto promosso dal Comune insieme ad Aspes e Auser e coordinato da Stefano Falcioni, referente dei volontari. Un regalo di Natale anticipato, per i volontari del progetto nato nel 2012, oggi «modello virtuoso di partecipazione attiva».

«I 170 pesaresi – ha detto Luca Pieri, presidente Aspes – sono riusciti a tagliare, quest’anno, 8milioni di metri quadrati di erba. Non posso che ringraziare tutti coloro che, anche nel 2021, hanno fatto la propria parte regalando alla comunità un esempio che si tramanderà a figli e nipoti e che quest’anno si è arricchito del contributo dovuto ai nuovi “innesti”: i volontari di Monteciccardo e le nuove “leve” attirate dal passaparola degli storici».

Presente alla consegna anche il vicepresidente dell’Assemblea regionale delle Marche Andrea Biancani: «Questa è un’iniziativa a cui sono molto legato per i grandi insegnamenti che è in grado di dare. Grazie per tutto quello che avete fatto, anche in questi 12 mesi non semplici. L’impegno e la dedizione che mettete onorano il territorio».

Massimo Ciabocchi, presidente Auser provinciale, partner del progetto, ha aggiunto: «È molto bello essere il braccio operativo che permette ai volontari di “dare” alla città. Ciò che fanno quotidianamente è contribuire a dare bellezza a Pesaro raffigurata dal bel biglietto da visita di cui il verde curato dai volontari è elemento dal forte impatto».

Il referente dei volontari Stefano Falcioni, ha sottolineato il percorso del progetto: «Negli ultimi mesi siamo riusciti a svolgere il primo corso di formazione sulla sicurezza coinvolgendo, a gruppi di 30, i volontari. Una bella iniziativa e una testimonianza di come “Volentieri volontari” stia crescendo, anche con iniziative spontanee». Come successo per un “Bosco in città”, «che si sta arricchendo, mese dopo mese, delle centinaia di alberi che numerose associazioni stanno piantando nei terreni del Comune. Un segno di come si riesca a fare tanto per il futuro grazie a un bel lavoro di squadra».

IL PROGETTO “VOLENTIERI VOLONTARI PER IL QUARTIERE”

Avviato, in forma sperimentale, nel 2012, a Muraglia, “Volentieri volontari” è un progetto promosso dal Comune di Pesaro (assessorato ai Quartieri) e organizzato da Aspes spa e Auser Volontariato di Pesaro-Urbino. Oggi è modello valido ed efficace esteso all’intera città e in grado di coinvolgere 170 cittadini (nel 2012 erano 40).

Obiettivo del progetto “Volentieri volontari per il Quartiere” è rafforzare la partecipazione attiva dei cittadini con il loro intervento nella manutenzione di spazi verdi pubblici come parchi, giardini, scuole, spazi sportivi, e nel miglioramento di luoghi di partecipazione che difficilmente l’ente pubblico riuscirebbe a garantire in modo puntuale e dettagliato. Ciò nella consapevolezza che il coinvolgimento attivo dei cittadini generi maggiore attenzione, rispetto e cura del bene comune e che renda il cittadino non semplice consumatore-utente ma partner dell’Amministrazione.