Oscar Piattella ha donato alla città il “Polittico per Pesaro”

9

Temporaneamente l’opera verrà posizionata nel palazzo del Comune, poi sarà trasferita all’ex Tribunale . Ricci e Vimini: «Artista che può segnare la storia artistica della nostra città, siamo fortunati ad averlo qui»

PESARO – È terminata “Disgregazione e unità. Solcando la misura rinascimentale di Urbino”, personale di Oscar Piattella al Centro Arti Visive Pescheria. Mostra che si è conclusa con un’importante donazione dell’artista alla sua città. Piattella ha infatti deciso di regalare al Comune del “Polittico per Pesaro” (2014 -2020), chiaro riferimento alla Pala di Giovanni Bellini, sommo esempio del Rinascimento conservato ai Musei Civici.
«Un grande dono, un’opera straordinaria –commenta il sindaco Matteo Ricci, intervenuto questa mattina al finissage -. Abbiamo pensato che dovesse essere uno dei simboli dei palazzi che stiamo cominciando a riqualificare, segno della rinascita della città». Temporaneamente l’opera verrà posizionata nel palazzo del Comune, poi sarà trasferita all’ex Tribunale, come simbolo di bellezza e di arte all’interno di un luogo riqualificato. «Abbiamo davanti a noi dei mesi complicati, ma allo stesso tempo degli anni affascinanti dal punto di vista della riqualificazione e del rilancio. Molte risorse sono state impegnate, ci sono dei contenitori che stanno rinascendo, come il vecchio palazzetto dello sport che diventerà auditorium per la musica. O ancora l’ex Tribunale che diventerà un luogo museale per le motociclette e dove esporre opere artistiche importanti, come quella che Piattella ci donerà». Ancora tra gli interventi,

«Piazzetta Mosca, diventata uno dei luoghi più belli della città grazie anche al Maestro Vangi. Ora stiamo lavorando per rilanciare il palazzo di San Domenico. Dall’Europa arriverà un’opportunità di rinascita vera con il Recovery Fund, stiamo pensando a quale sarà il piano che la città proporrà, tra questi progetti vogliamo includere anche il rilancio dell’ex ospedale psichiatrico del San Benedetto. Una parte importante di questa “opportunità” deve andare al settore culturale e artistico, per lo sviluppo architettonico, urbanistico e turistico delle nostre città».

Poi conclude Ricci: «Le opere di Piattella sono più che mai contemporanee perché necessitano di spazio per essere create, assimilate, capite e per far risaltare tutti quei colori di cui noi abbiamo bisogno. Al tempo stesso viviamo un periodo storico nel quale è stato riscoperto il valore dello spazio. Abbiamo bisogno di arte soprattutto in questo momento, lui è un artista che può segnare la storia artistica della nostra città, siamo fortunati ad averlo qui».
L’evento conclude l’esposizione aperta il 26 giugno scorso, organizzata, in omaggio agli 88 anni del maestro e nell’ambito delle celebrazioni per il cinquecentenario della morte di Raffaello, da Fondazione Pescheria in collaborazione con il Comune di Pesaro – Assessorato alla Bellezza e la Regione Marche, e con il patrocinio dell’Accademia di Belle Arti di Urbino.
«Ci tenevamo ad avere una presenza così forte di Oscar Piattella in città – sottolinea l’assessore alla Bellezza Daniele Vimini -. Per noi è stata la mostra della rinascita perché, come nel Rinascimento, attorno alla bellezza si è creato un sentimento importante.
Una mostra vissuta e partecipata, nel rispetto di questo momento che stiamo vivendo. La donazione del “Polittico per Pesaro” dimostra anche la grande generosità di Piattella, si tratta di un’opera che fa riferimento alla Pala di Giovanni Bellini, sommo esempio del Rinascimento conservato ai Musei Civici. Inizialmente sarà in Comune, luogo che accoglie tutti, e come destinazione definitiva abbiamo scelto un altro luogo fortemente simbolico, l’ex Tribunale. Sarà collocata in fondo al corridoio principale, subito visibile, con un rimando immediato all’opera di Bellini ospitata nella Chiesa dei Servi di Maria. La data dovrebbe essere quella del 28 novembre, giorno che simbolicamente dà il via alle celebrazioni natalizie, quest’anno con esibizione di una delegazione di Garmisch- Partenkirchen».
Accanto a Oscar Piattella, oltre a sindaco e vice sindaco, anche il Presidente di Fondazione Pescheria Silvano Straccini, gli storici dell’arte Bruno Ceci e Aldo Iori, il collezionista Fernando Barbetti Presidente della Inveco Holding Spa, main sponsor della mostra. Moderatore dell’incontro, il curatore Alberto Mazzacchera.