Macerata, è on line la Baby & Family Newsletter QUIsSI CRESCE!

20

MACERATA – E’ on line la Baby & Family newsletter QUIsSI CRESCE! destinata alle famiglie con bambini 0/6 anni, nell’ambito del progetto sostenuto da impresa sociale Con i Bambini con il fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.
E’ il primo del 2021, un anno che vedrà il team QUIsSI CRESCE!, con il Comune, i nidi comunali, le scuole d’infanzia degli istituti comprensivi Alighieri e Fermi, l’Unimc, l’associazione les Friches e l’agrinido di San Ginesio, Zerosei Up e Ircr, ancora vicino alle famiglie per condividere e realizzare iniziative innovative del progetto che è stato prorogato fino al luglio 2021 per portare a compimento le esperienze e le attività programmate ma bloccate dal Covid nell’ultimo anno.
Di progetti futuri, attenzione all’infanzia e alla scuola parla l’assessore all’Istruzione Katuscia Cassetta nel suo intervento di apertura della newsletter. Diversi gli argomenti trattati in questo numero che indaga le molte facce della multimedialità, entrata con prepotenza nelle nostre vite e in quelle dei bambini in questo periodo di emergenza.
Si parla delle buone pratiche multimediali in ambito culturale, con la sperimentazione natalizia di Macerata Musei che ha saputo, con strumenti e linguaggi nuovi, offrire contenuti di qualità senza far rimpiangere gli aspetti della tradizione, ma anche di come i dispositivi tecnologici impattano sulle nostre vite, in particolare di quelle dei bambini e degli adolescenti, riportando i dati degli ultimi studi a riguardo e cercando gli aspetti positivi di tali strumenti. Perché non è la tecnologia in sé a dover essere “maneggiata” con prudenza, ma è l’utilizzo che se ne fa.
La newsletter affronta, inoltre, il tema dei possibili effetti nell’infanzia e nell’adolescenza del lockdown e delle restrizioni che ancora stiamo vivendo. Come racconteranno i più giovani questi anni? E in che modo il vissuto emotivo di questi giorni, le privazioni, l’isolamento avranno conseguenze domani? Quesiti aperti ai quali hanno cercato di dare una risposta le psicologhe Katia Marilungo e Federica Guercio che sottolineano il ruolo fondamentale degli adulti e la necessità di non perdere credibilità nei confronti dei giovani, pena gravi ripercussioni sulle nuove generazioni.
E ancora le esperienze e best practice della scuola all’aperto e come mettere in pratica un approccio didattico che privilegi la scoperta nella natura, con gli spunti di riflessione venuti da un recente incontro organizzato dall’Università di Macerata. Non mancano poi i consigli di lettura con i “silent book”: nessuna storia già raccontata, nessuna narrazione preconfezionata, nel libro ci sono solo le immagini e possiamo noi, come nella vita, sceglierne protagonisti, azioni e finale. Che sia allora un 2021 tutto da scrivere, scegliendo le parole e le frasi che ci piacciono di più.