La Procura di Ascoli Piceno apre un’indagine sul sisma

TribunaleASCOLI PICENO – La Procura di Ascoli Piceno ha aperto un fascicolo di indagine sul terremoto che ha provocato vittime e crolli nel territorio, in particolare ad Arquata e Pescara del Tronto.

Si tratta di un fascicolo a modello 45 (atti non costituenti reato), volto a consentire accertamenti legali, che il pm Umberto Monti ha affidato ai carabinieri del Comando provinciale di Ascoli, i quali a loro volta consegneranno al più presto una prima relazione.

Il primo incarico affidato ai militari dell’Arma dal magistrato è stato l’identificazione dei cadaveri e la geolocalizzazione del ritrovamento dei corpi, in base alla quale ricostruire eventuali responsabilità relativa alla costruzione, ricostruzione o consolidamento sismico delle abitazioni (alcune già danneggiate dal sisma del 1997).

In base ai risultati di questa fase preliminare, la Procura deciderà gli altri passi dell’inchiesta.