Fano, scogliere di Metaurilia: realizzato il primo stralcio degli interventi

25

Aguzzi: “Intervento di difesa della costa a cui la Regione ha destinato oltre 2 mln di euro da risorse comunitarie. Secondo stralcio inserito nella prossima programmazione dei fondi del PNRR con un contributo di 4 mln”.

Seri: “Giornata molto importante per la nostra città. Questa infrastruttura porterà sviluppo e crescita per tutta la nostra comunità”

FANO – A un anno esatto dall’inizio dei lavori per la realizzazione di 6 scogliere e di 2 pennelli lungo il litorale a sud della foce del fiume Metauro, nel territorio di Fano, questa mattina la presentazione, nel corso di una conferenza stampa, dell’opera che chiude il primo stralcio degli interventi previsti dal progetto generale di difesa della costa nel tratto in questione.

“Sono molto soddisfatto – ha dichiarato l’assessore regionale alla Difesa della costa, Stefano Aguzziper quanto finora realizzato; un intervento che si configura come esempio di buona collaborazione tra Regione, Comune di Fano ed RFI”.

A monte vi è infatti l’Accordo di programma tra questi 3 soggetti sottoscritto nel 2018 e ultimo dei 5 Accordi di programma degli interventi di difesa della costa attivati dalla Regione Marche – ufficio di difesa della costa, cofinanziati con le risorse comunitarie POR-FESR del periodo di programmazione 2014-2020, che complessivamente prevedono un investimento di 8,6 milioni di euro.

“Quella di oggi è una giornata molto importante per la nostra città – ha affermato il sindaco di Fano, Massimo SeriQuesta opera di difesa della costa assume un valore progettuale in quanto cambia il volto di questa area sia in termini di sviluppo sia di progresso. Questa è una good practice da prendere come esempio. Infatti, oltre a portare un valore aggiunto, questa sinergia è testimonianza di efficienza con una collaborazione proficua fra enti che ha permesso di raggiungere un risultato davvero significativo e atteso. C’era una forte preoccupazione sul completamento dei lavori, invece il cantiere è stato chiuso in anticipo rispetto al cronoprogramma. Negli anni questa infrastruttura porterà sviluppo e crescita per tutta la nostra comunità”.

L’Accordo di Fano impegna 2,1 milioni di euro di risorse comunitarie e l’intervento è previsto dal Piano di Gestione Integrata delle Zone Costiere (Piano GIZC) della Regione Marche. Il costo complessivo è di 4,2 milioni di euro, cofinanziati da RFI per l’ulteriore 50% dell’importo, in quanto la difesa costiera realizzata è a protezione anche della linea ferroviaria Adriatica. Il beneficiario dei fondi POR-FESR è il Comune di Fano che a sua volta ha stipulato una convenzione con il Provveditorato alle Opere Pubbliche di Ancona per l’attuazione dell’intervento.

“L’intervento realizzato – ha spiegato Aguzzi – si configura come un primo stralcio di un intervento più ampio che, dopo questo tratto di complessivi 1,3 chilometri, prevede la prosecuzione a sud delle scogliere emerse – secondo stralcio per un tratto di circa 1,5 chilometri – fino a ricongiungersi con le scogliere emerse già presenti. Tale secondo stralcio, che ha già espletato le procedure ambientali ed ottenuto il decreto di VIA il 13 agosto 2020, è stato inserito, con un contributo di 4 milioni di euro, nella prossima programmazione dei fondi del PNRR”.