Fano, pestaggio al lido: Daspo e avvisi orali per i responsabili

34

FANO (PU) – Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Compagnia di Fano hanno dato esecuzione ai provvedimenti dell’avviso orale e del divieto di fare accesso nei pubblici esercizi e locali di pubblico intrattenimento, emessi dal Questore di Pesaro-Urbino, a carico dei cinque giovani tra i 18 e i 23 anni, ritenuti responsabili del grave pestaggio avvenuto a Fano, nella zona Lido, il 18 giugno u.s. ai danni di un 18enne del posto.
In particolare, tutti i soggetti sono stati sottoposti al divieto di fare accesso nei pubblici esercizi e locali di pubblico intrattenimento siti nel comune di Fano per tutti i giorni della settimana, a partire dalle ore 18.00 fino all’orario di chiusura e, nei medesimi orari, è stato loro prescritto di sostare nelle immediate vicinanze e nelle aree di parcheggio dove insistono detti locali pubblici (c.d. DASPO urbano). La violazione dei divieti costituisce reato punito con l’arresto da sei mesi a due anni.
A carico di tre dei cinque giovani, che malgrado la giovane età sono risultati recidivi in tali condotte, è stata anche notificata la misura di prevenzione dell’avviso orale con la quale l’Autorità di P.S, stigmatizzandone la pericolosità sociale, li invita a tenere in futuro una condotta conforme alla legge, pena l’applicazione di misure di più gravi.
I fatti risalgono alla notte tra il 18 e il 19 giugno, intorno all’una di notte, quando un ragazzo, intento a trascorrere la serata in compagnia di alcuni amici, veniva improvvisamente bloccato da un giovane. Questo sconosciuto, che era in evidente stato di alterazione e si trovava in compagnia di altri ragazzi, accusava la vittima di avergli calpestato una sigaretta cadutagli accidentalmente, in realtà, era solo un pretesto per attaccare briga. Accortosi delle intenzioni del soggetto, il giovane cercava di allontanarlo, ma in quel frangente uno degli amici gli sferrava un pugno in volto. Inutile era il suo tentativo di fuga, perché il resto della comitiva del facinoroso – almeno 7- 8 persone – si avventava contro l’inerme ragazzo colpendolo violentemente con calci e pugni. La vittima, nonostante le ferite, ritornava a casa, salvo poi rendersi conto, dopo due giorni, che la gravità delle ferite imponevano le cure presso il Pronto Soccorso.
I Carabinieri, dunque, dopo essere risaliti agli autori della grave aggressione attraverso un lavoro meticoloso di acquisizione di filmati e raccolta di dichiarazioni testimoniali, hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria i 5 soggetti e contestualmente richiesto al Questore di Pesaro e Urbino l’applicazione delle odierne misure di prevenzione.
Il controllo delle aree di maggiore aggregazione giovanile, specie serale e notturna, rappresenta – tanto più nel periodo estivo e con l’approssimarsi del Ferragosto – uno dei principali obiettivi dei Carabinieri del Comando Provinciale di Pesaro e Urbino che ha disposto l’intensificazione dei servizi di prevenzione e contrasto a ogni forma di illegalità diffusa, concentrando l’attenzione sulla preoccupante diffusione delle sostanze stupefacenti tra i giovanissimi e sulle condotte di guida pericolose.