Commemorati i 4 piloti caduti a Gimigliano: inaugurato un monumento di Teodosio Campanelli

Monumento caduti GimiglianoVENAROTTA (AP) – Celebrato il primo anniversario della tragedia che ha strappato all’affetto del Popolo Italiano quattro giovani e valorosi Ufficiali dell’Aeronautica Militare il 19 agosto 2014, quando il Fato ha voluto che il Maggiore pilota Alessandro Dotto, il Maggiore navigatore Giuseppe Palminteri, il Maggiore pilota Mariangela Valentini e il Maggiore navigatore Paolo Piero Franzese venissero sottratti a questa vita. Ieri, infatti, alle ore 18.40 presso il Piazzale dell’Addolorata di Gimigliano, frazione di Venarotta (AP), è stato inaugurato il monumento dell’artista Teodosio Campanelli dedicato ai quattro caduti.

La cerimonia è stata preceduta da una funzione religiosa riservata ai familiari e ai colleghi del 6° Stormo, celebrata da Mons. Giovanni D’Ercole, Vescovo di Ascoli Piceno presso la chiesa SS. Quirico e Giulitta di Gimigliano. A seguire, è stata deposta una corona e scoperta una targa commemorativa riportante i nomi dei piloti scomparsi, presso il monumento ai caduti di Venarotta, riqualificato per l’occasione con il contributo dell’A.A.A.

In quest’occasione è stato consegnato ai presenti un libretto commemorativo che riporta le riflessioni del Generale S.A. Maurizio Lodovisi, del Generale S.A. (c) Giovanni Sciandra, del Sindaco di Venarotta dott. Fabio Salvi, del Parroco di Gimigliano don Francesco Mangani, della Critica d’arte dott.ssa Valentina Falcioni sulla pregevole scultura che rammenterà ai posteri le virtù umane e professionali di Paolo Piero, Giuseppe, Mariangela e Alessandro, i quali guarderanno per sempre “con valore verso le stelle”.