Camerino Festival, dal 16 al 28 agosto la 35esima edizione

27

CAMERINO – Compleanno importante per il Camerino Festival che raggiunge il traguardo della 35esima edizione dal 16 al 28 agosto. Musica, ma non solo. Dallo scorso anno è, infatti, tornato nella sua veste originaria riallacciandosi anche all’identità della città di Camerino e riscoprendo alcuni dei luoghi del cuore, diventati palcoscenico dei concerti, entrando, in alcune occasioni, nel cuore della città ferita. Tre piazze ospiteranno i concerti di questa edizione: Garibaldi, Cavour e Caio Mario, collocate nel centro storico, oltre all’Accademia della Musica Franco Corelli, donata dall’Andrea Bocelli Foundation. Il cartellone vedrà artisti accomunati dalla spiccata capacità di muoversi tra più generi musicali. Dalla classica al jazz, dal pop allaworld music. Il fil rouge è la trasversalità, il rompere i confini di genere e regalare emozioni mutuando linguaggi dalla musica.

“Il rumore dei lavori dei cantieri la sera sarà sostituito da quello delle note del Festival e dè un suono che non mi dispiace affatto – ha detto il sindaco Sandro Sborgia – Due aspetti, due facce della città che s’impegna nella ricostruzione ed è pronta a ospitare un festival in grado di proporre artisti grandiosi e di fama internazionale”.

Lo stesso è stato espresso dal Rettore Unicam Claudio Pettinari: “Noi crediamo in una comunità integrata che è quella che può vincere per portare a casa risultati significativi. La musica ci accompagna da sempre e ci tengo a dire che qui Unicam c’è perché il Camerino Festival è un evento di qualità. Gli artisti presenti sono artisti internazionali di grande livello che le grandi città farebbero a gara per avere”.

“Il mio ringraziamento va a tutti coloro che hanno lavorato per questa edizione che si presenta con un cartellone ricchissimo e alcuni concerti sono una delle poche date italiane degli artisti –ha commentato Giovanna Sartori, assessore alla cultura – Il mio grazie anche alla Regione Marche che rinnovando il finanziamento al festival conferma e condivide la grande qualità di questo evento di cui vuole far parte”.
Un viaggio, quello del Camerino festival, che accosta ogni musicista del programma ed è il viaggio emozionale che tutti gli spettatori potranno vivere sulle note suonate dai big della scena musicale internazionale, Avi Avital, Yamandu Costa, Richard Galliano, Danilo Rea, Giovanni Sollima, e dai giovani talenti emergenti invitati al festival quali il pianista russo Ivan Bessonov e il Quartetto Tchalik. Da segnalare inoltre l’apertura del 16 agosto, nella basilica di San Venanzio, con un concerto che metterà a confronto il barocco italiano e inglese, con brani di Vivaldi e Haendel, a cura di un ensemble vocale e strumentale diretto dall’organista Maurizio Maffezzoli. Il festival festeggerà anche due importanti ricorrenze: i 100 anni dalla nascita di Astor Piazzolla, reinventore del tango argentino, che verrà omaggiato dal fisarmonicista francese Richard Galliano e il 50° dalla morte di Igor Stravinskij. Del grande compositore russo verrà eseguita “L’Histoire du soldat”. Sarà proprio quest’opera da camera, scritta nel 1918, a sintetizzare in modo emblematico il cartellone del Camerino Festival di quest’anno: la partitura, infatti, è il frutto di varie esperienze musicali dell’epoca, a cui si ispira chiaramente Stravinskij: il tango argentino, il valzer, le fanfare svizzere, il ragtime, il paso doble, ma soprattutto il jazz.
Un’edizione del Festival per far riecheggiare di vita culturale il cuore storico di Camerino, ancora dolorante, ma di sicuro suggestivo e indimenticabile.

Altri appuntamenti faranno da cornice al Camerino Festival 2021.

Dal 18 al 20 agosto si svolgerà una masterclass per strumenti a fiato e pianoforte organizzata dall’Accademia della Musica “Franco Corelli” di Camerino e l’associazione Pianofriends del M° Vincenzo Balzani, in collaborazione con il Conservatorio “Pergolesi” di Fermo. La serata conclusiva vedrà l’esibizione di giovani pianisti vincitori di premi internazionali accanto a giovani strumentisti a fiato marchigiani che studiano all’istituto musicale Biondi di Camerino e i Conservatori di Fermo e di Pesaro.
Il 19 agosto spazio alla danza con la performance dal vivo del ballerino Valerio Longo con le musiche di Antonello Sabatini e la voce di Paola Feraiorni, parte del progetto espositivo delle opere di Ettore Frani “NELLA NOTTE”, a cura di Claudio Calari. Il progetto è stato prodotto dalla Fondazione Lercaro- Raccolta Lercaro in collaborazione con Ettore Frani e Performazioni Cinetiche
Infine, tre incontri pomeridiani all’Orto Botanico impreziosiranno il Camerino Festival 2021: i temi scelti, in linea con il programma della rassegna musicale, saranno sviluppati da importanti relatori con la presenza di alcuni docenti dell’Università degli Studi di Camerino, che partecipa alla rassegna internazionale di musica dal 1987, anno della sua fondazione.

I direttori artistici:

«Il Camerino Festival traguarda la sua 35 edizione e lo fa entrando nel cuore della città ferita. Tre piazze, Garibaldi, Cavour e Caio Mario, collocate lungo la via direttrice del centro storico e la Basilica di San Venanzio ospiteranno i concerti di questa edizione. Si tratta di artisti accomunati dalla spiccata capacità, dimostrata nella propria carriera, di muoversi tra più generi musicali. Dalla classica al jazz, dal pop alla world music: il fil rouge di quest’anno è dato dal tema della trasversalità, il rompere i confini di genere e regalare emozioni mutuando linguaggi dalla musica colta alla popolare. Questo è il viaggio musicale che accomuna ogni artista in cartellone ed è il viaggio emozionale che tutti gli spettatori potranno vivere sulle note suonate dai big della scena musicale internazionale. Una occasione per far riecheggiare di vita culturale il cuore storico di Camerino, ancora dolorante ma di sicuro suggestivo e indimenticabile per chi vivrà le nostre serate».
Francesco Rosati – Presidente Gioventù Musicale d’Italia sede di Camerino

«Il Camerino Festival conquista altri metri preziosi avanzando nel cuore del centro storico cittadino e arrivando fino a Piazza Garibaldi. Sono infatti ben tre le piazze del centro storico coinvolte quest’anno oltre alla Basilica di San Venanzio e alla nuova Casa della Musica. In questi luoghi magici porteremo un cartellone che vede protagonisti musicisti eccezionali, tra i migliori virtuosi al mondo del loro strumento, in grado di emozionare il pubblico. E lo faranno parlando linguaggi musicali diversi, in un programma di ampio respiro, che spazia dallo choro brasiliano alla classica e al tango, dal jazz alla musica pop dei Beatles».
Daniele Massimi – Presidente di Musicamdo Jazz

«Anche per questa edizione l’associazione Adesso Musica dà spazio a giovani talenti del pianoforte allievi del M° Balzani presso l’Associazione Pianofriends vincitori di importanti premi internazionali che incontreranno loro coetanei studenti di strumento presso il nostro istituto e presso il conservatorio di Fermo e di Pesaro per studiare insieme un repertorio cameristico per fiati e pianoforte dell’800 e del 900 che verrà eseguito in due concerti il 21 agosto. Una sorta di laboratorio musicale all’interno della nuova accademia della musica di Camerino. Altra interessante serata sarà quella dedicata Igor Stravisnky con la messa in scena dell’opera da Camera Historie du soldat, in cooproduzione con Adesso Musica con La Corelli società cooperativa; Nisi; Crescendo Associazione culturale crescendo e anche in questo caso saranno coinvolti giovani musicisti».
Vincenzo Correnti – Direttore Artistico di Adesso Musica