Ancona, “Oltre la Politica”: domani l’incontro promosso da Fratelli d’Italia

23

All’Auditorium Fiera della Pesca l’iniziativa finalizzata a contrastare il pensiero unico e l’omologazione delle coscienze  e a proporre una strada alternativa

ANCONA – Venerdì 19 novembre 2021, alle ore 21.15, presso l’Auditorium Fiera della Pesca ad Ancona, si terrà l’incontro “Oltre la Politica”, contro il pensiero unico e l’omologazione delle coscienze. L’iniziativa è promossa da Fratelli d’Italia”

“Oggi, più che mai, abbiamo bisogno di non piegarci alla logica del “pensiero unico” e proporre, invece, una pluralità di opinioni per permettere alla gente, liberamente, di formarsi il proprio giudizio. Arricchire il panorama delle posizioni è fondamentale. Oggi, la destra è l’unica protagonista, questo si, della battaglia per la libertà di opinione. Un tempo la Sinistra liberale sosteneva la tesi di Voltaire (riferita dalla saggista Evelyn Beatrice Hall): ”.

Questo il commento del capogruppo di Fratelli d’Italia al Consiglio regionale, Carlo Ciccioli, per presentare l’iniziativa.
Oltre la politica per una forte alternativa culturale di libertà contro il pensiero unico, questo il tema che abbiamo deciso di proporre durante questo incontro con autorevoli ospiti. Oltre ai saluti istituzionali da parte della Giunta Regionale, Francesco Acquaroli e Giorgia Latini che causa Covid non potranno essere presenti, ma si collegheranno da remoto. A discutere del tema, con il mio ruolo di coordinatore in qualità di responsabile dipartimento regionale Cultura di Fdi, ci saranno Francesco Borgonovo (Vicedirettore La Verità); Francesco Giubilei (Presidente associazione “Nazione Futura”); Edoardo Sylos Labini (Presidente e Direttore “Culturaidentità”); Daniele Capezzone (Commentatore de La Verità e autore del libro “Per una nuova Destra”); Alessandro Sansoni (Giornalista). Un parterre importante e che sarà in grado di fornire chiavi di lettura interessanti e nuove. Per molti anni – conclude il capogruppo di Fratelli d’Italia al Consiglio regionale, Carlo Ciccioli – la Sinistra si è sentita detentrice unica della Cultura, anche per una certa inerzia e subalternità delle controparti. È giunto, ora, il momento di cambiare registro e contribuire, attraverso iniziative del genere, a proporre una strada alternativa, declinando i nostri valori di cui certo non ci vergogniamo”.