Dal primo al 4 maggio torna ad Ancona la Fiera di San Ciriaco

85

Tre gli eventi previsti: la grande fiera al Viale della Vittoria, con ambulanti e sapori tipici, i mercatini in corso Garibaldi con artigiani e campionaria, San Ciriaco street food in Piazza Pertini, con punti ristoro e cibi di strada

ANCONA – Dopo due anni di sospensione per la pandemia torna ad Ancona la Fiera di San Ciriaco. “Anche questo – afferma il sindaco Valeria Mancinelli – è un segnale incoraggiante di ripresa della normalità, da affrontare con le giuste cautele, ma anche con la soddisfazione di poter tornare a vivere le nostre tradizioni nel cuore della città, con un momento di festa importante per tutti, dai cittadini alle attività economiche”.
“Siamo lieti – aggiunge il vicesindaco e assessore al Commercio Pierpaolo Sediari – di poter offrire di nuovo alla città questa occasione, che è un evento importante, non solo per le aziende partecipanti ma anche per le attività locali e per i cittadini, una grande occasione d’incontro e socialità. Ringrazio gli uffici comunali e tutti coloro che hanno lavorato e stanno lavorando per organizzare questo evento così sentito da tutti noi”.

L’organizzazione prevede tre eventi distinti, nello spazio e nelle merceologie: la grande fiera al Viale della Vittoria, con ambulanti e sapori tipici, i mercatini in corso Garibaldi con artigiani e campionaria, San Ciriaco street food in Piazza Pertini, con punti ristoro e cibi di strada

La fiera di San Ciriaco animerà la città di Ancona da domenica 1 maggio a mercoledì 4 maggio, dalle 9 alle 24, tranne che in piazza Pertini dove le attività saranno aperte già da sabato 30 aprile, dalle 18 alle 24. Da domenica 1 maggio a mercoledì 4 maggio, invece, l’orario di apertura sarà dalle 12 alle 24.

La parte più consistente della Fiera si svolgerà nell’intero viale della Vittoria, da Via Giannelli a Piazza IV Novembre.Corso Garibaldi ospiterà i mercatini, da piazza Cavour a piazza della Repubblica.
Piazza Pertini sarà dedicata al cibo e al piccolo intrattenimento.
Piazza Cavour sarà libera da occupazioni commerciali. Sarà per quattro giorni un punto di passaggio, e il 4 maggio ospiterà le iniziative istituzionali e d’intrattenimento promosse dal Comune di Ancona, in onore di San Ciriaco, Patrono della Città. Proprio al Patrono e alla Cattedrale, come negli ultimi anni, è dedicata l’immagine della Fiera.
Non saranno occupati dalla fiera largo XXIV Maggio, via Castelfidardo, piazza della Repubblica, corso Stamira, piazza Stamira, piazza Kennedy e Via XXIX Settembre.

I numeri della fiera
Come ulteriore segnale di ritorno alla normalità, i numeri della fiera si equivalgono, più o meno, a quelli del 2019. Nutrita e varia è la partecipazione dei 413 espositori, (424 nel 2019), divisi per zone merceologiche. Le domande di partecipazione sono state 378. Come è tradizione delle fiere su area pubblica, il settore predominante è quello degli ambulanti. Per loro i posteggi disponibili sono 317, dislocati soprattutto in viale della Vittoria, lungo tre corsie, e nel primo tratto di corso Garibaldi. Le assegnazioni sono ancora in corso. Nei posteggi per gli ambulanti sono compresi circa 25 banchi di gastronomia, con tutte le specialità tradizionali che caratterizzano le fiere all’aperto, distribuiti in punti strategici, per offrire un migliore sevizio al pubblico e per non creare assembramenti. Si trovano dunque sulle corsie laterali del Viale, in varie zone, tra cui nei pressi di Piazza Diaz.

Il settore specializzato Sapori Tipici, uno dei più graditi al pubblico e presente per il quindicesimo anno, ritorna al viale della Vittoria nella corsia centrale pedonale, nel tratto compreso tra Via Rismondo e Via Bianchi. Ospiterà 27 espositori (22 nel 2019). Sono 13 le regioni italiane rappresentate, insieme con uno stato estero, il Belgio. Oltre a un significativo gruppo di espositori marchigiani, che promuovono i prodotti del territorio, partecipano Abruzzo, Trentino Alto Adige, Calabria, Lazio, Piemonte, Puglia, Emilia Romagna, Sicilia, Sardegna, Umbria e Veneto.

Per promuovere le attività economiche delle imprese si ripropone la Campionaria, nel secondo tratto di Corso Garibaldi, tra Via Castelfidardo e Piazza Roma, con 24 stand promozionali che rappresentano in modo significativo il mondo delle aziende, soprattutto nell’attuale situazione di crisi. Non si tratta di stand dedicati alla vendita, ma all’esposizione e alla promozione di articoli, attrezzature e servizi per la persona, la famiglia e il tempo libero, per il lavoro e per le imprese.

Nel Mercatino degli Artigiani gli espositori sono 39 (40 nel 2019), tutti in corso Garibaldi, da Piazza Roma verso Piazza della Repubblica, con banchi multicolori, multietnici e multicreativi.

In Piazza Pertini ci saranno i 16 Punti Ristoro (come nel 2019) di San Ciriaco Street Food. Questa festa del cibo in piazza è una delle iniziative collaterali più gradite dal 2011 e coniuga cucina tipica e intrattenimento. Gli stand, di diverse provenienze, italiane e straniere, saranno disposti a corona intorno alla piazza. Nella scelta degli operatori, gli organizzatori, in accordo con il Comune, hanno privilegiato generi diversi da quelli già presenti in fiera, la tipicità delle proposte, la varietà dei piatti e delle provenienze e la professionalità degli operatori. Si propongono piatti tradizionali di diverse regioni italiane, cibi etnici e birre artigianali.
Il “menu” di San Ciriaco Street Food 2022 prevede, in ordine alfabetico: Al Volo: tigelleria modenese-romagnola; American Street Food: hamburger di manzo – chiken burger – chips; Birrificio Il Gobbo con birra artigianale; Boccadillos: baccalà in Food Truck; Enzu Ebbasta, con asian food e thailandese; La Brace Mobile, con bombette pugliesi e altre specialità del Salento; La Crescia di Gubbio: torta al testo umbra con salumi tipici; Manicarretto: polpetteria da passeggio; Matilde del Monticino: gnocco fritto con salumi; Mizzica: cannoli e arancine siciliane; Osteria Argentina: asado argentino e specialità latino americane; Osteria del Marinaio: frittura al cartoccio, spiedini misti, grigliata di mare; Osteria Toscana: grigliate alla toscana, tagliata di fiorentina, rosticciata di maiale, ribollita; Rosticcio d’Abruzzo: arrosticini del Parco Nazionale – Montepulciano d’Abruzzo; Tenute Collesi birrificio artigianale; Vino al Vino: vini abbinati a piatti di terra e di mare.
Gli intrattenimenti della piazza sono organizzati dalla Fiera, in collaborazione con Emanuel Pàstina dell’Agenzia di spettacolo anconetana Universal Events. Anche quest’anno non sarà allestito un palco, ma le esibizioni saranno nello stile degli artisti di strada, a stretto contatto con il pubblico e all’interno del circuito dei punti ristoro. Il programma è vario. Prevale la musica, ritmata e divertente ma non invasiva, dalle ore 19 alle 22,30. Si comincia sabato 30 aprile, con l’anconetano Giacomo Gabrielli, in arte La Regina, con il meglio della musica trash e pop. Domenica 1 maggio si esibisce Walt Dust Acoustic, un duo di musica italiana. Lunedì 2 maggio torna La Regina, e martedì 3 maggio l’appuntamento è con Moonshadow, trio con musiche internazionali e country. Si conclude mercoledì 4 maggio con Clara People, trio con un repertorio di british folk e sound italiano. L’ingresso è gratuito.

Diverse iniziative di solidarietà sono organizzate e promosse, come sempre, da Onlus e associazioni di volontariato. Quest’anno saranno circa dieci e in piazza Roma tornerà lo stand promozionale dell’Esercito Italiano.

La festa del Patrono

La messa in duomo: come ogni anno, la Chiesa di Ancona celebra il patrono della città con una solenne celebrazione in cattedrale. L’arcivescovo monsignor Angelo Spina mercoledì 4 maggio alle 10 celebrerà la messa alla presenza delle autorità. Poco prima, alle 9.45, il sindaco Valeria Mancinelli renderà omaggio al patrono deponendo un mazzo di fiori nella cripta dei Santi Protettori.
Le celebrazioni in Piazza Cavour: alle 12 è in programma la cerimonia di consegna dei Ciriachini, le benemerenze civiche. In caso di maltempo l’evento sarà spostato alla Mole. Alle 19 come da tradizione, la Croce Gialla organizza la Tombola di San Ciriaco. Le cartelle saranno in vendita nella sede dell’Associazione già prima della fiera e durante la fiera nei punti di maggior passaggio. Invariati, rispetto agli anni passati, il costo delle cartelle (2,50 euro) e il primo premio di 1.500 euro. I fondi raccolti con la lotteria serviranno per sostenere l’attività della Croce Gialla. Alle 18.45, prima della Tombola, sarà inaugurata la nuova ambulanza acquistata grazie alla generosità dei cittadini anconetani.

Parco del Conero ospite speciale
Alla Fiera di San Ciriaco sarà presente anche il Parco del Conero, che metterà a disposizione un punto informativo in piazza Pertini, con un van dotato di tecnologie innovative e uno stand in cui saranno rappresentate le eccellenze, organizzati momenti di formazione e informazione, distribuiti gadget. Tra le attività che saranno presentate c’è l’Archeodromo del Conero, unico nelle Marche, inaugurato recentemente: la ricostruzione di una casa picena del V secolo a.C., con annessa struttura in legno dotata di tettoia per lo svolgimento di attività didattiche, come la realizzazione di strumenti, utensili e vasellame del periodo piceno.

Navette e parcheggi scambiatori

Nel periodo 1-4 maggio la città di Ancona sarà interessata, oltre che dalla tradizionale fiera di San Ciriaco, anche dalla fase dei play off dell’Ancona-Matelica. La concomitanza dei due eventi modificherà la disponibilità dei parcheggi che i cittadini sono invitati a usare come scambiatori, da cui raggiungere il centro città servendosi delle navette predisposte dalla Conerobus.
Nella giornata del 1 maggio, in cui sarà disputato il play-off, per chi vuole raggiungere la fiera non sarà disponibile il parcheggio dello stadio del Conero. Di conseguenza il capolinea dei bus navetta a supporto della fiera sarà ai parcheggi del Cimitero di Tavernelle, in via S. Giacomo della Marca. Questa navetta è gratuita per il pubblico.
Il transito lungo la Cameranense sarà vietato in concomitanza della partita.
Nella stessa giornata sarà inoltre aperto il parcheggio degli Archi, servito anch’esso da una navetta diretta alla fiera.
Nei giorni 2 e 3 maggio il capolinea del bus navetta sarà presso il parcheggio dello Stadio del Conero, inoltre il bus transiterà presso i parcheggi di Tavernelle-cimitero, in via S. Giacomo della Marca. Sarà inoltre disponibile, come di consueto, il parcheggio degli Archi, da cui sarà possibile raggiungere il centro e la zona della fiera utilizzando la linea 1/4.
Nella giornata del 4 maggio l’organizzazione dei parcheggi e delle navette dipenderà dall’andamento dei play off dell’Ancona- Matelica. L’Amministrazione comunale aggiornerà tempestivamente i cittadini attraverso tutti i canali di informazione istituzionali.
Come in passato, inoltre, sarà disponibile dall’1 al 4 maggio una navetta a pagamento che collegherà il Dorico, dove farà capolinea, a Piazza Cavour, passando da Corso Amendola e ritorno. Il 1 maggio le partenze dal Dorico si succedono dalle ore 7.35 sino alle 20.20, con 52 corse, una ogni 15’. Dal 2 al 4 maggio le corse sono previste dalle ore 7.17 alle ore 20.20, con 103 corse giornaliere, con cadenza 5’/9’.