Le Acli marchigiane ripartono dal Corso di formazione regionale

10

A Senigallia e a Porto S. Elpidio gli incontri dedicati al racconto delle “buone pratiche”, messe in atto in  molti Circoli Acli,  e all’approfondimento della riforma del Terzo Settore

MARCHE – Si è svolto in due tappe, il 30 ottobre a Senigallia e il 6 novembre a Porto S. Elpidio, il tradizionale Corso regionale di formazione dedicato ai dirigenti di base e agli operatori del sistema Acli. Ai due incontri, introdotti dal presidente regionale Luigi Biagetti, hanno partecipato il vicepresidente nazionale Stefano Tassinari e il segretario generale nazionale Damiano Bettoni.

Dopo la riflessione spirituale sul cammino sinodale, guidata a Senigallia da don Piergiorgio Sanchioni e a Porto Sant’Elpidio da don Christian Bulaj, la prima parte degli incontri è stata dedicata al racconto delle “buone pratiche” che continuano a caratterizzare la vita di molti Circoli Acli. Sono soprattutto esperienze di solidarietà, di cooperazione internazionale e di mutuo aiuto, che si sono moltiplicate al tempo del Covid; ma sono anche buone pratiche nel campo dell’ecologia, della cultura, dello sport e del tempo libero.

La seconda parte del Corso è stata invece dedicata all’approfondimento della riforma del Terzo Settore, giunta ad una tappa cruciale: dal 23 novembre infatti entrerà in vigore il RUNTS, cioè il Registro Unico Nazionale del Terzo Settore. A tale scopo due commercialisti esperti in Enti del Terzo Settore hanno analizzato e spiegato le nuove norme e il nuovo schema di bilancio previsto dalla riforma.

Il Corso regionale di formazione è stato un chiaro segnale della volontà di ripartire delle Acli marchigiane, fortemente penalizzate (come tutte le associazioni di promozione sociale) dalla chiusura imposta dall’epidemia di Covid. Le Acli hanno così ribadito il loro impegno a dare voce ai bisogni dei cittadini più deboli e delle comunità locali.