Santuario Beato Sante, celebrazioni VIII Centenario della presenza dei frati minori francescani

73

MOMBAROCCIO (PU) – Ricorre nel 2023 l’ottavo centenario della presenza dei frati minori francescani sul Colle di Santa Maria di Scotaneto, a Mombaroccio, conosciuto oggi come Santuario del Beato Sante. Era il 1223 quando alcuni frati francescani fondarono il convento, il primo nella diocesi di Pesaro, quando ancora Francesco d’Assisi era in vita.
Immerso nell’oasi di un bosco tra la natura incontaminata, il convento del Beato Sante è un luogo denso di spiritualità, ideale per ritrovarsi e coltivare la pace e l’armonia. E’ divenuto meta di pellegrinaggi religiosi da ogni parte del mondo, in visita per pregare il Beato Sante Brancorsini, che lì è vissuto santamente nella seconda metà del 1300.
A otto secoli di distanza, in occasione di questa importante ricorrenza, si aprono le celebrazioni per un anniversario che rappresenta motivo di straordinari festeggiamenti per la grande famiglia francescana. Saranno messe in campo una serie di iniziative spirituali, religiose, culturali e storiche. A capo del comitato delle celebrazioni c’è l’associazione ‘Il Sole nel Cuore’ alla quale è stato affidato il compito di elaborare il programma con l’obiettivo di favorire la diffusione della cultura e l’eredità del pensiero francescano. Commissario delle iniziative è il cavaliere Damiano Bartocetti.

Le celebrazioni si terranno nelle giornate di venerdì 14, giovedì 20, sabato 22 con il clou previsto domenica 23 luglio: quattro giorni di appuntamenti con la fede e con la storia del Beato Sante.
Venerdì 14 luglio, in occasione della Giornata mondiale della Gioventù, si terrà un incontro di spiritualità e cultura con i giovani della provincia di Pesaro e Urbino.
Giovedì 20 luglio, alle ore 19, è previsto un incontro con l’imprenditoria agricola dal titolo ‘Credito di Relazione: Valore strategico per i Territori’ e a seguire la benedizione dei mezzi da parte dell’Arcivescovo Salvucci, alla presenza del direttore generale della Bcc di Pesaro e del direttore di ColdirettiPesaro e Urbino. Seguirà un momento conviviale con un aperitivo finale.
Le giornate di sabato 22 e domenica 23 luglio saranno arricchite da una miriade di iniziative collaterali, che contemplano arte, artigianato, enogastronomia, moda, musica, spettacolo e canto.

Sabato 22, alle ore 5.30, si terrà un suggestivo concerto all’alba ai piedi della selva del Beato Sante e a seguire si potrà prendere parte alla camminata naturalistica lungo i sentieri del bosco del Santuario guidati da esperti botanici e storici. Alle ore 18 celebrazione della Santa Messa e alle 20.30 concerto spirituale attraverso Lodi e Canti francescani di ieri e di oggi, a cura dell’Ensemble “Compagnia delle Laudi” e Oratorio sul Beato Tommaso da Tolentino composto da Padre Armando Pierucci.

Alle ore 21 si terrà un concerto teatralizzato “Donna de Paradiso” del Gruppo Musicaparole: musiche medievali e in parte prerinascimentali alternate a testi di autori Medievali e in parte prerinascimentali (Cantiones latinae, Laudi, Canti popolari religiosi, Intavolature dal liuto, Danze, Canzoni narrative, Brani dell’antica tradizione europea) alternate a testi di autori medievali (San Francesco d’Assisi, Jacopone da Todi, Giacomino da Verona, Dante Alighieri, Cecco Angiolieri).

La giornata di domenica 23 luglio è ricca di appuntamenti:alle ore 11, Monsignor Sandro Salvucci presiede la Santa Messa alla presenza di Padre Simone Giampieri, Ministro Provinciale della Provincia Picena San Giacomo della Marca dei Frati Minori. Seguiranno le celebrazioni delle Sante Messe alle ore 17 e alle 18:30.

Domenica 23 i profumi e i sapori dell’antica tradizione contadina diventeranno un racconto legato alla vita francescana da scoprire sia in occasione del pranzo che della cena. Alle ore 21 si terrà un concerto teatralizzato “Donna de Paradiso” del Gruppo Musicaparole: musiche medievali e in parte prerinascimentali alternate a testi di autori Medievali e in parte prerinascimentali (Cantiones latinae, Laudi, Canti popolari religiosi, Intavolature dal liuto, Danze, Canzoni narrative, Brani dell’antica tradizione europea) alternate a testi di autori medievali (San Francesco d’Assisi, Jacopone da Todi, Giacomino da Verona, Dante Alighieri, Cecco Angiolieri).

Le giornate celebrative di sabato 22 e domenica 23 coinvolgeranno l’intero complesso del Beato Sante, sia all’interno che all’esterno del Convento, per un grande evento celebrativo tra spiritualità, natura e cultura, valorizzando gli spazi del Convento e le risorse del territorio.

Un trionfo di arte, artigianato e storia grazie a espositori, laboratori, rievocazioni storiche e antichi mestieri con mercatino medievale.

Nel Chiostro del Santuario si terrà la mostra del ricamo tradizionale a cura delle donne di Mombaroccio. E ancora illustrazioni d’arte con tecniche incisorie a cura di Aiia – Accademia Internazionale Incisione Artistica. Poi ancora, la Bottega e Banco del Sarto: percorso didattico-descrittivo sulla ricostruzione dell’abito storico del periodo tardo-medievale e rinascimentale. Inoltre, mostra del legno pirografato, tavolata medievale studio d’arte Tiziano Donzelli e laboratori artigianali sugli antichi mestieri.
Nel Sagrato del Santuario spettacoli, rievocazione storica in costume con antichi mestieri e mercatino medievale. Saranno allestiti spazi in sicurezza dedicati ai bambini con giochi storici in legno e una fattoria didattica ‘La Linfa’. Sarà prevista un’area esterna per fare spazio a suggestioni storiche come la rievocazione a cura della “Compagnia d’arme Feltria” di Urbino, un accampamento militare con attrezzature d’epoca, vari allestimenti, pezzi unici di arredamento e abbigliamento. Poi ancora dimostrazioni di tiro a segno con arco e balestra con gli arcieri di Sant’Angelo.
Un’area sarà dedicata alla ristorazione con i profumi e i sapori dell’antica tradizione contadina, che diventeranno un racconto legato alla vita francescana da scoprire nella scelta di menu a base di prodotti tipici del territorio

Le iniziative del VIII Centenario sono in collaborazione con la Diocesi di Pesaro, la Diocesi di Urbino, i Frati Minori custodi del Santuario, la Provincia Picena San Giacomo della Marca dei Frati Minori, la Fraternità dell’Ordine Francescano secolare, il comune di Mombaroccio, il comune di Vallefoglia, la provincia di Pesaro e Urbino, la Regione Marche, Confcommercio Marche Nord, Coldiretti, Bcc Banca di Pesaro, Pro Loco, Prefettura e Forze dell’Ordine, con la speciale partecipazione dei tanti volontari che collaborano alla riuscita dell’evento.