Preghiera per il bene

61

Quanta tensione in queste ore, quanto nero, quanta difficoltà a leggere tra gli avvenimenti la nostra Europa, quel mondo in cui si viaggiava, si lavorava, si studiava, si mangiava, in cui si viveva e bene.

Ora si vive? Arrivano minacce e preoccupanti informazioni.

Speriamo che il sangue smetta di scorrere e si smetta di combattere lungo le strade, nelle città, nelle piazze.

Speriamo in buone cose domani per il tavolo di incontro in Bielorussia.
Speriamo. La speranza, fiamma accesa che rischiara ed eleva.

Teniamoci legati nei buoni propositi, nella attenzione verso idee e passioni che possano sorvolare sul terreno terriccio di orrore sanguinoso.

Preghiamo e preghiamo tanto perché il bene, quello che tingeva le giornate prima, torni a prevalere e trionfi.

Monica Baldini