Porto San Giorgio, emergenza Covid: “Pacchetti famiglie” di 500 euro

15

Il Comune stanzia 50 mila euro per le famiglie; la selezione  terrà conto dell’Isee più basso

PORTO SAN GIORGIO – Contributi straordinari alle famiglie sangiorgesi per fronteggiare la precarietà economica sotto la pandemia. L‘Amministrazione Loira vara uno dei pacchetti inseriti nella maxi manovra da oltre 700 mila euro. Vede lo stanziamento di 50 mila euro per l’acquisto di beni e servizi, contributi economici per la compartecipazione alla frequenza di centri doposcuola, ludoteche, attività sportive, culturali e di musica, corsi professionali, contributi economici per la compartecipazione all’acquisto di materiale scolastico e ad altri servizi per le esigenze dei minori (mensa e trasporto scolastico, babysitting, doposcuola a distanza, orientamento e sostegno educativo, sociale e psicologico ed altro).
Il valore massimo erogabile è di 500 euro a famiglia. La misura è rivolta a tutte le famiglie residenti con figli minori e con Isee pari o inferiore 21.500 euro e patrimonio inferiore a 15.000 euro come risultante dall’attestazione.
Sempre all’interno delle soglie Isee e del patrimonio mobiliare, verrà data priorità ai nuclei familiari con lavoratori dipendenti o titolari di partita Iva la cui attività sia stata sospesa o ridotta, nuclei con lavoratori con reddito di natura occasionale la cui attività sia impedita dall’emergenza Covid-19 e a coloro che non sono già assegnatari di altro sostegno pubblico.
L’istruttoria per la selezione delle famiglie terrà conto dell’Isee più basso e, a parità dello stesso, delle condizioni di priorità, salvaguardando comunque le famiglie che hanno avuto provati effetti negativi.
In caso di accoglimento della domanda i richiedenti verranno contattati per il colloquio con i Servizi sociali al quale potrà seguire la definizione di piani su misura.
“Attraverso un patto di servizio sottoscritto dalle famiglie interessate verranno quindi definiti l’entità del contributo e dei servizi, nonché tempi ed eventuali obblighi di rendicontazione delle spese sostenute – specifica l’assessore Francesco Gramegna -. L’erogazione dei contributi avverrà solo su presentazione di quietanze di pagamento. La prossima settimana, sul sito internet del Comune, sarà pubblicato l’avviso per la presentazione delle domande.
Il ‘Pacchetto famiglie’ ci vede tempestivamente vicini ai cittadini, pronti ad accogliere domande e capaci di poterli aiutare con le nostre risorse. L’attuale emergenza comporta inevitabilmente la necessità di una riconsiderazione dei bisogni e di una riorganizzazione dei servizi per favorire una migliore conciliazione dei tempi di vita e di lavoro dei genitori e occasioni di svago e aggregazione per i minori, tra i più penalizzati in questo periodo di isolamento. L’idea innovativa e sperimentale è quella di concordare e costruire interventi mirati con il coinvolgimento diretto delle famiglie”.