Pianello Vallesina, evento contro la Violenza sulle Donne: “Ferite a Morte”

Il 13 novembre  presso l’Oratorio Parrocchiale

PIANELLO VALLESINA (AN) – In occasione della prossima Giornata Mondiale contro la Violenza sulla Donna, l’associazione Monte Roberto In-Forma e la Casa delle Donne di Jesi organizzano l’appuntamento FERITE A MORTE, Parole, Pensieri e Azioni contro la Violenza sulle Donne, Mercoledì 13 Novembre alle ore 21 presso l’Oratorio Parrocchiale di Pianello Vallesina.

Ferite a Morte è nato come un progetto teatrale sul femminicidio scritto e diretto da Serena Dandini. Un’ antologia di monologhi sulla falsariga della famosa Antologia di Spoon River di Edgar Lee Master costruita con la collaborazione di Maura Misiti, ricercatrice del CNR. I testi attingono alla cronaca e alle indagini giornalistiche per dare voce alle donne che hanno perso la vita per mano di un marito, un compagno, un amante o un “ex”.

Presentato prima in forma di lettura-evento, ha visto numerose donne illustri e note al grande pubblico facenti parte del mondo della cultura, dello spettacolo, della politica e della società civile, dare voce a un immaginario racconto postumo delle vittime, creando un’occasione di riflessione e di coinvolgimento dell’opinione pubblica, dei media e delle istituzioni.

Questo progetto, seguito da un momento di riflessione e dibattito, avrà luogo Mercoledì 13 Novembre alle ore 21 presso l’Oratorio Parrocchiale di Pianello Vallesina.

Questo appuntamento è il secondo del ciclo di appuntamenti organizzato dall’associazione Monte Roberto In- Forma, che già nel mese di settembre aveva organizzato l’incontro “Cosa Faremo da Grandi” con il Cavaliere del Lavoro Enrico Loccioni.
La Casa delle Donne di Jesi è un gruppo di lavoro che offre aiuto e sostegno alle donne che decidono di riprendere in mano la propria vita uscendo dalla violenza. Ciò avviene tramite l’offerta di servizi quali il sostegno psicologico, la consulenza legale, l’attivazione di rete e di interventi d’emergenza, l’accompagnamento in strutture sanitarie, tribunali, polizia