Pesaro, al via oggi “Rugbull International Event”

7

Parteciperanno 150 giovani atleti da tutta Europa; fino a domenica tornei e incontri formativi aperti al pubblico

PESARO – Sono più di 150 i ragazzi e le ragazze tra i 17 e i 18 anni provenienti da tutta Europa che parteciperanno a “RUGBULL International Event”, l’iniziativa promossa dal Comune di Pesaro in collaborazione con Formiche Rugby Pesaro ed Eurocube, in programma da giovedì 15 a domenica 18 settembre nel campo “Toti Patrignani”.

«Si tratta – spiega Mila Della Dora, assessora alla Rapidità – dell’evento conclusivo del progetto “Rugbull” rivolto ai giovani e alle famiglie per sensibilizzare e contrastare fenomeni come il body shaming, il bullismo e altre forme di esclusione e discriminazione, che coinvolgerà 10 nazioni europee». Oltre all’Italia (presente con la squadra Under19 del Pesaro Rugby, con una rappresentativa delle Marche e con la romana Lions Alto Lazio Rugby) ci saranno giovani provenienti da Irlanda, Portogallo, Spagna, Francia, Germania, Svezia, Bulgaria, Slovenia e Grecia. «Parteciperanno a partite, stage formativi, dibattiti e conferenze a cui anche i non addetti ai lavori, i curiosi, le famiglie, potranno assistere, per passare una giornata diversa e, soprattutto, cogliere gli spunti di riflessione che cercheremo di lanciare». «Pesaro – aggiunge Della Dora – ha sempre cercato di lavorare sullo sport a 360 gradi, dando valore a ciascuna disciplina, per far capire che una città che ama lo sport è una città più ricca. È ciò che abbiamo fatto anche partecipando ai bandi Erasmus Sport, ai quali abbiamo presentato il progetto “Rugbull: promoting rugby in schools as anti-bullying vitamin”, unico tra quelli presentati dai Comuni, ad aver ottenuto l’importante finanziamento europeo, proprio per il valore dello stesso».

L’evento sarà coordinato dalle Formiche Rugby e da Eurocube, come spiega il Ceo Marco Cardinaletti: «Lavorare a Rugbull è stato molto stimolante: abbiamo trovato una chiara strategia del Comune e un territorio molto ricettivo agli stimoli lanciati da un progetto dal valore di 500mila euro, considerato tra quelli “bandiera” sui quali la Commissione Europea investe per sottolineare come lo sport sia lo strumento per creare cultura, unire una comunità, creare sviluppo e innovazione sociale».

Obiettivi che “RUGBULL International Event” cercherà di perseguire durante i numerosi apppuntamentir aperti (e gratuiti) al pubblico, anche durante l’orario di cena: «Ci saranno momenti educativi per trattare – con un linguaggio diretto e chiaro – il tema del bullismo in chiave divulgativa». Succederà anche venerdì 16, alle ore 21:30, con il racconto dei “Libri Viventi”, le cui pagine saranno animate da Mila Della Dora, Raffaella Manieri, Richard Paletta e Simone Gabrielli. «Le loro, saranno storie e racconti di atleti e non, che hanno incontrato difficoltà nella loro vita/carriera o hanno affrontato e superato il bullismo».

Gabriele Del Monte, presidente Formiche Rugby Pesaro, ha spiegato il ruolo di partner tecnico del progetto: «Il nostro compito era di elaborare la parte sportiva tenendo bene a mente gli obiettivi, tra cui quello dell’integrazione europea. Durante questi mesi abbiamo analizzato le situazioni legate allo sport che potessero dar vita a episodi di bullismo; abbiamo formato 18 giovani educatori che hanno incontrato circa 1600 alunni del liceo Mamiani, del liceo Mengaroni e dell’istituto Leopardi che poi abbiamo “trascinato” in campo a giocare». Tra questi anche i 20 studenti del Mamiani che parteciperanno all’evento con il ruolo di interpreti linguistici.

I 150 partecipanti al “RUGBULL International Event” saranno accolti domani, giovedì, alle 18, con una cerimonia di benvenuto prima di essere guidati alla scoperta dalla città con visite che prevedono anche tappe alla Sonosfera®, all’area archeologica di via dell’Abbondanza (Domus) e al Museo Nazionale Rossini. Gli atleti saranno coinvolti anche in selfie tour, concorsi e mostre fotografiche. A concludere la quattro giorni, domenica, alle 18:30, sarà la cerimonia di premiazione.

RUGBULL International Event – I tornei

Le sfide avranno inizio venerdì 16 settembre, alle 17, con il torneo Rugby 7’s Under15; sabato 17 settembre proseguiranno, dalle 8:30 alle 12 con il torneo di Tag Rugby insieme agli studenti del liceo Mamiani e del liceo Mengaroni e, nel pomeriggio (dalle 16) con le qualificazioni del Torneo Internazionale Rugbull Under19 RUGBY 7’S e, dalle 17, quello degli Under 17. Domenica 18 settembre, si riprende dalle 11 con le finali Under 19. A concludere gli eventi sarà la premiazione e la cerimonia di chiusura, alle 18:30: i primi tre classificati di ogni torneo verranno premiati dai rappresentanti del Consiglio FIR insieme alle glorie sportive del Rugby.

RUGBULL International Event – Le attività formative

Venerdì 16 settembre, alle 15:30, prevista l’attività di formazione per allenatori con Nick Scott (formatore allenatori della RFU); seguirà alle 21:30 il seminario “Sport, etica e integrità”. Sabato 17 settembre, alle 21:30, in programma “Promuovere il rugby come vitamina anti-bullismo”, seminario dedicato alla diffusione del Protocollo Educativo elaborato con Rugbull. Domenica 18 settembre, alle 17, conferenza di networking con altri progetti Erasmus+ sul bullismo nello sport/scuole/famiglia.