Pesaro, manifestazione ristoratori: il commento del sindaco Ricci

16

comune pesaroRicci: “Stiamo uniti, cerchiamo di sconfiggere al meglio questa crisi economico-sociale”, ma stigmatizza:”inaccettabili pagliacciate pericolose contro la legge”.Il sindaco incontrerà una delegazione della categoria

PESARO – Tante persone ieri pomeriggio in piazza del Popolo a Pesaro per manifestare contro la decisione del Governo di chiudere bar e ristoranti alle 18. Il sindaco Matteo Ricci, che  incontrerà una delegazione delle categorie scese in piazza per un confronto  costruttivo, è intervenuto  su tale manifestazione e sulla difficile situazione in cui si ritrovano gli operatori dei settori più colpiti. «In questo momento non è facile tenere un equilibrio tra la grave crisi sanitaria e l’emergenza socio economica. Anche oggi, come sindaci, abbiamo sollecitato l’arrivo celere delle risorse nelle tasche delle categorie che in questo momento stanno subendo un colpo molto forte. Dobbiamo essere uniti, battere il virus e cercare di sconfiggere al meglio questa crisi economico sociale». Poi conclude: «Ogni piazza che manifesta pacificamente va ascoltata».

In un ristorante di Pesaro, sempre ieri, era stata organizzata via social una cena con 90 commensali per protestare contro l’ultimo Dpcm che stabilisce la chiusura alle 18 di bar e ristoranti.  La polizia ha fatto irruzione e il locale è stato chiuso.

Chiusura La Macelleria, Ricci: «Si valutano penalità pesanti, domani l’incontro con una delegazione delle categorie»

«Il ristorante La Macelleria è stato chiuso per diversi giorni, Questore e Prefetto stanno valutando penalità pesanti», così il sindaco Ricci su Facebook in riferimento alla protesta andata in scena questa sera nel ristorante in via delle Galigarie.
«Ringrazio le Forze dell’Ordine e la Polizia Municipale per l’intervento immediato e intelligente. Dobbiamo sconfiggere il virus e la crisi economica con equilibro. È legittimo protestare e alzare la voce, ma sono inaccettabili pagliacciate pericolose contro la legge». Domani l’incontro, «con una delegazione serie delle varie categorie che oggi hanno manifestato in piazza».