Pesaro, “Il diritto di essere deboli”: in mostra la grafica di Massimo Dolcini

Dal 13 dicembre 2019 al 1 marzo 2020 a Palazzo Mosca l’esposizione  che fa tornare ai Musei Civici il grafico pesarese – e non solo – con opere tutte concentrate sul sociale

PESARO – Venerdì 13 dicembre alle ore 18.00, inaugura a Palazzo Mosca – Musei Civici la mostra “IL DIRITTO DI ESSERE DEBOLI. Massimo Dolcini a Parigi nel 1989 per i diritti dell’uomo”, promossa dal Comune di Pesaro/Assessorato alla Bellezza in collaborazione con Sistema Museo.

L’esposizione fa tornare ai Musei Civici il grande grafico pesarese (1945-2005) ma è soprattutto l’occasione per riflettere su temi sociali, temi che hanno caratterizzato l’intera produzione dolciniana e che sono oggi più che mai contemporanei e ricchi di spunti per riflettere. Ciò che viene proposto, infatti, è la mostra ‘Pour les droits de l’homme. Histoire(s) Image(s) Parole(s)”, organizzata nel 1989 al Museo Beauborg di Parigi dall’associazione Artis 89 e dal collettivo grafico francese Grapus: un progetto voluto dal Governo Francese per celebrare il 200esimo anniversario della rivoluzione francese e della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino. Allora come oggi, protagonisti i lavori di 65 progettisti, grandi maestri della grafica invitati a partecipare da ogni parte del mondo, fra cui Dolcini, appunto, che rappresentò l’Italia insieme a Pierluigi Cerri e Andrea Rauch.

Visitabile fino al primo marzo, l’esposizione nasce da una proposta di Luigi Panzieri, grande collezionista dei poster di Dolcini, ed è curata da Mario Piazza, noto grafico e architetto, e Jonathan Pierini, direttore di ISIA Urbino. Nel 1989 ad ogni grafico venne donata una copia di tutti i manifesti esposti a Parigi; ciò che si può ammirare a Pesaro è la serie appartenuta a Dolcini, oggi nella raccolta Panzieri ospitata nei locali dell’ITET ‘Bramante-Genga’ e prestata per l’occasione. Il titolo “Il diritto di essere deboli” è stato mutuato proprio dal manifesto creato da Dolcini: una celebrazione in chiave quotidiana e ironica, come è tipico del suo stile, della vittoria di Davide su Golia, e dunque dell’intelligenza (e perché no anche di un po’ di furbizia) sulla ‘sola’ forza. Accanto alle opere parigine, Palazzo Mosca accoglie una scelta di manifesti di pubblica utilità che Dolcini realizzò per il Comune di Pesaro in più di vent’anni di attività: una sorta di ‘piccola’ appendice alla mostra, un approfondimento localizzato più che locale, che permette di comprendere come il grafico ha interpretato tematiche sociali di rilevanza mondiale e come poi queste sono circolate in città.

E proprio in virtù delle questioni affrontate, è importante sottolineare che la mostra è stata selezionata dalla Regione Marche come ‘evento espositivo di rilievo regionale’ ricevendo un contributo ai sensi della DGR n.382/2019. La sua realizzazione è possibile grazie anche al contributo di Banca di Pesaro Credito Cooperativo, Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro, IFI S.p.A., realtà del territorio sempre vicine e sensibili ai progetti che riguardano cultura e comunità.

Il periodo in cui nascono i manifesti della mostra parigina – la fine degli anni ottanta – è segnato da una forte instabilità politica e da numerosi episodi di violazione dei diritti umani in più parti del mondo. Nonostante i numerosi movimenti per la liberazione dai regimi totalitari e nei domini coloniali, elementi di diseguaglianza permangono anche nei paesi democratici. A questo si uniscono gli allarmi ambientali legati ai rischi del nucleare e al deterioramento delle condizioni del pianeta di cui si acquista maggiore consapevolezza. In un simile scenario, in evidente contrasto con le spinte di modernizzazione che provengono dalla società civile, sia sul fronte politico che su quello culturale e tecnologico, emerge l’urgenza di ribadire quei diritti fondamentali dell’uomo che non possono essere dati per scontati. E oggi cosa ci dicono questi manifesti sui diritti dell’uomo? È il quesito su cui si sono confrontati gli studenti del secondo anno del corso specialistico in grafica per l’editoria di ISIA Urbino. Sotto la guida del direttore Pierini, i ragazzi hanno risposto con una selezione d’immagini tratte dal presente che collocate nel percorso espositivo, interagiscono con i manifesti del 1989 evidenziando la forte attualità delle questioni affrontate e aprendole a molteplici letture.

info 0721 387541 www.pesarocultura.it www.pesaromusei.it

Orario

martedì-giovedì 10-13, venerdì-domenica e festivi 10-13 / 15.30-18.30

17 dicembre-6 gennaio tutti i giorni 10-13, 15.30-18.30

chiusure: 25 dicembre e 1 gennaio

modalità d’ingresso biglietto unico Pesaro Musei, gratuito fino a 18 anni e possessori Carta Famiglia del Comune di Pesaro

Promossa da Comune di Pesaro/Assessorato alla Bellezza in collaborazione con Sistema Museo,con il contributo della Regione Marche ai sensi della DGR n.382/2019.

Sponsor Banca di Pesaro Credito Cooperativo, Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro, IFI S.p.A.