Pesaro, Ferragosto 2020: ecco cosa fare nel fine settimana

36

Sabato 15 agosto sarà una giornata ricca tra musei, mostre, aree archeologiche, arte contemporanea ed eventi musicali, un pieno di arte, storia e bellezza tra centro e Parco San Bartolo

PESARO – Agosto mese ricco a Pesaro e Ferragosto non smentisce le aspettative con un pacchetto davvero ricco che ruota attorno a musica – sono i giorni splendenti del Rossini Opera Festival che fa sentire la sua voce anche in tempi complessi come questi – e cultura. Per chi vuole un’alternativa alla spiaggia – o magari vuole mare e arte -, ecco tutte le occasioni da vivere tra il centro e il magnifico verde del Parco San Bartolo.

I Musei Civici di Palazzo Mosca offrono i tesori delle collezioni permanenti – su tutti la Pala dell’Incoronazione della Vergine di Bellini –, ma anche la mostra ‘NOI. Non erano solo canzonette’, ospite proprio questa mattina (12 agosto) di una diretta della Rai su Uno Mattina Estate. L’evento che coinvolge anche il Museo Nazionale Rossini racconta in musica gli anni 1958/1982, epoca che rivoluzionò l’Italia (orario 10-13, 16.30-19.30). Biglietto Pesaro Musei, gratuito fino a 18 anni. Info 0721 387541.

Casa Rossini offre un interessante racconto rossiniano e – da oggi 12 agosto – la consueta esposizione che la Fondazione Rossini dedica ad un’opera che compie 200 anni: per il 2020 il Maometto II. Forse non tutti sanno che narra un episodio della guerra tra Turchi e Veneziani e che venne rappresentata con finale tragico per la prima volta al San Carlo di Napoli il 3 dicembre 1820, senza ottenere il successo sperato. Rielaborata col lieto fine e riproposta il 26 dicembre 1822 alla Fenice di Venezia, non raggiunge esito migliore. Ci vuole oltre un secolo e mezzo perché l’opera torni ad essere applaudita: accadde al Rossini Opera Festival del 1985 con la regia di Pier Luigi Pizzi. La mostra ha una doppia sede: qui e al Museo Nazionale Rossini; orario 10-13, 16.30-19.30. Biglietto Pesaro Musei, gratuito fino a 18 anni; info 0721 387541.

Il Museo Nazionale Rossini attende il suo pubblico a Palazzo Montani Antaldi in una via Passeri sempre più piacevole da frequentare grazie alle luminarie rossiniane e ai tanti locali da vivere. Visitabile con orario 10-13, 15-18, l’allestimento conduce in modo inedito attraverso la vita e le opere del genio pesarese; basterebbe questo ma c’è anche la seconda tappa della mostra ‘NOI. Non erano solo canzonette’ che qui continua il percorso espositivo avviato a Palazzo Mosca e di quella dedicata a ‘Maometto II’. Biglietto Pesaro Musei, gratuito fino a 18 anni, info 0721 387541.

Per chi ama l’archeologia, la proposta è doppia tra centro storico e collina: a pochi passi da via Rossini, la domus di via dell’Abbondanza (orario 10.30-12.30, 16.30-18.30) dove si ammirano i resti di una dimora signorile di prima età imperiale, riccamente decorata con mosaici; alle pareti le proiezioni delle ricostruzioni tridimensionali degli antichi ambienti. A Colombarone un’area archeologica eccezionale perché immersa nel verde del Parco san Bartolo tra Marche e Romagna; qui sono conservati i resti di una ricca residenza tardo-imperiale sulle cui strutture, a partire dalla metà del VI secolo d.C. si insedia il complesso cristiano della basilica di San Cristoforo ad Aquilam. All’area è affiancato un antiquarium, un ‘piccolo’ museo che espone i reperti rinvenuti durante gli scavi e offre nuovi strumenti di comprensione della storia più antica del territorio; orario 10-13, 16.30-19.30. Biglietto Pesaro Musei, gratuito fino a 18 anni, info 0721 387541.

Per conoscere invece la storia di Pesaro dal punto di vista della sua marineria, il luogo da visitare è il Museo della Marineria Washington Patrignani di Villa Molaroni; sabato 15 (ma anche venerdì e domenica) orario 16-19, ingresso gratuito; info 0721 35588.

Chi ama l’arte contemporanea approderà al Centro Arti Visive Pescheria con la mostra di Oscar Piattella “Disgregazione e unità. Solcando la misura rinascimentale di Urbino” a cura di Alberto Mazzacchera; l’ultimissima produzione dell’artista pesarese è esposta in 55 dipinti su tavola articolati in tre sezioni legate da un potente uso del colore. Orario 18-21, ingresso con card Pesaro Cult (costo 3 euro, validità annuale) o biglietto Pesaro Musei, gratuito fino a 18 anni; info 0721 387541.

Il percorso del contemporaneo prosegue in centro allo ‘spazio bianco’ di via Zongo 45, la nuovissima sede della Pescheria dedicata alla fotografia e all’immagine dove – fino al 16 agosto – si può ammirare il lavoro di Michele Alberto Sereni sul Cinema Duse, luogo davvero iconico della città non più fruito ma ancora ben vivo nella memoria con il suo progetto magnifico che univa arte e architettura. La mostra ‘Il Duse. Cinema Divino’ a cura di Marcello Smarrelli è visitabile dalle 17 alle 21, ingresso gratuito.

Dal centro al fresco dei colli. Il giorno di Ferragosto porte aperte anche a Villa Imperiale, gioiello architettonico del Parco San Bartolo. Dalle 10 alle 13 è attivo il percorso di visita ‘𝗗𝗮 𝗥𝗮𝗳𝗳𝗮𝗲𝗹𝗹𝗼 𝗮 𝗚𝗶𝗿𝗼𝗹𝗮𝗺𝗼 𝗚𝗲𝗻𝗴𝗮: 𝗹𝗮 𝗠𝗮𝗻𝗶𝗲𝗿𝗮 𝗺𝗼𝗱𝗲𝗿𝗻𝗮 𝘁𝗿𝗮 𝗮𝗿𝘁𝗲 𝗲 𝗻𝗮𝘁𝘂𝗿𝗮, un itinerario in piccoli gruppi che privilegia gli spazi aperti, corti, terrazze e giardini con accesso agli appartamenti della duchessa Leonora Gonzaga. Costo 10 € a persona, prenotazione obbligatoria (info@isairon.it, 338 2629372).

La giornata si conclude alle 20.30 con il ROF: in piazza del Popolo, la seconda data del Viaggio a Reims messo in scena ogni anno da Emilio Sagi e ripreso da Elisabetta Courir nell’ambito dell’attività dell’Accademia Rossiniana “Alberto Zedda”. Il cast è composto da ex-accademici che hanno già avviato una importante carriera: Maria Laura Iacobellis, Chiara Tirotta, Claudia Muschio, Claudia Urru, Matteo Roma, Pietro Adaini, Nicolò Donini, Diego Savini, Michael Borth, Jan Antem, Alejandro Sánchez, Antonio Garés, Carmen Buendía, Valeria Girardello, Francesca Longari, Oscar Oré, Elcin Huseynov. L’Orchestra Sinfonica G. Rossini è diretta da Giancarlo Rizzi.

Programma ricco anche per domenica 16 agosto

Alle 10, nell’ambito della rassegna estiva ‘Pesaro, i tuoi spazi: tra borghi e quartieri’, ‘Open studio Giovanni Gentiletti’, visita alla suggestiva casa-museo (Santa Maria dell’Arzilla, strada dei Guazzi 4) di Gentiletti (1947-2010), lavoratore di metalli pesanti ed abile cesellatore la cui poetica prendeva spunto dalla natura. La visita delle 10 è gratuita mentre nel resto della giornata (fino alle 13 e poi nel pomeriggio 15.30-19.30) l’ingresso è con card Pesaro Cult.

Alle 11, per i Concerti al Museo – una novità dell’edizione 2020 del Rossini Opera Festival – al Museo Nazionale Rossini si esibisce Maria Laura Iacobellis, ex dell’Accademia Rossiniana ‘Alberto Zedda’, accompagnata al pianoforte da Giulio Zappa.

Alle 18.30 nella corte di Palazzo Mazzolari Mosca, inaugura la XXXI edizione della Gavardiana tra pittura, scultura, ceramica, fotografia e poesia, espressioni artistiche pronte a vivere all’aperto tra via Gavardini e le corti di Palazzo Mazzolari Mosca e Palazzo Gradari.

Alle 20.30 in piazza del Popolo, ancora per il Rossini Opera Festival, il concerto di Juan Diego Flórez, uno tra i principali interpreti rossiniani d’oggi; con lui la Filarmonica Gioachino Rossini diretta da un giovane talento: Michele Spotti.

Tutte le iniziative sono realizzate nel rispetto delle procedure di legge per il contenimento della diffusione