Pesaro, dal 22 agosto una masterclass di musica antica

8

In programma anche concerti di musica, workshop di danza antica a ingresso libero nella chiesa dell’Annunziata e al Teatro Sperimentale

PESARO – Una masterclass di sei giorni per stringere legami e celebrare l’identità di Pesaro e di Idanha-A-Nova, Città creative della Musica UNESCO. A partire da lunedì, fino a sabato, 30 studenti (dai 17 ai 40 anni) di conservatori e scuole superiori di musica di tutto il mondo, saranno protagonisti della XII edizione di CIMA – Cursos Internacionais Música Antiga, quest’anno dedicata a “La voce umana”, in programma per la prima volta in Italia e organizzato dalla Maac – Música Antiga Associação Cultural con il sostegno del Ministero della Cultura del Portogallo, del Comune di Idanha-a-Nova e del Comune di Pesaro.

«Fa parte de “La natura della cultura” di Pesaro 2024 – sottolinea Daniele Vimini, vicesindaco e assessore alla Bellezza – aprirsi agli scambi delle comunità che fanno dell’arte, in particolare della musica, una leva di crescita economica, un passaggio educativo imprescindibile, una strategia su cui investire e scommettere. Con Idanha-A-Nova, che come noi fa parte del network UNESCO, farlo è stato spontaneo: a legarci è una passione per la musica che attraversa la quotidianità di entrambe le città». «Cercheremo di rafforzarla ancor più durante una masterclass che, per gli studenti, speriamo possa diventare anche il racconto di un’esperienza umana e artistica, da riportare in tutto il mondo» ha aggiunto Vimini prima di rivolgere «Un ringraziamento particolare, per la collaborazione e la disponibilità, alla dirigente scolastica dell’istituto G. Gaudiano Angela De Marchi».

Il programma della settimana prevede, alternati tra la Chiesa dell’Annunziata, Teatro Sperimentale e l’istituto G. Gaudiano: concerti e conferenze; lezioni di canto barocco con Anna Simboli, Carlos Mena e Cristiana Arcari; corsi di canto e paleografia medievale con Miriam Trevisan; musica d’insieme, violino e viola barocca con Lorenzo Colitto; di basso continuo e clavicembalo con Maria Luisa Baldassarri, Chiara Tiboni e João Paulo Janeiro; di arpa barocca con Maria Cleary; workshop di danza antica con Pilar Montoya e di mise en scène medievale e barocca con Paola Ghigo.

«Portare il CIMA a Pesaro – spiega João Paulo Janeiro, Música Antiga Associação Cultural (Maac) – significa ampliare la visibilità internazionale dei corsi e aprire nuove reti di attività per i partecipanti. Pesaro è la città di Rossini e palcoscenico del Rof, tra i festival lirici più importanti al mondo, il tema principale del CIMA non poteva non essere “La Voce Umana”. Ma saranno evidenziati anche altri aspetti della pratica della musica antica con masterclass strumentali, musica d’insieme, basso continuo al clavicembalo e arpa e un workshop di musica medievale. Si lavoreranno soprattutto i repertori del primo barocco italiano e del seicento iberico».

Come previsto dagli obiettivi del Maac: divulgare repertori musicali e le tecniche esecutive storiche fino all’inizio dell’Ottocento e contribure alla diffusione del movimento della musica antica nello spazio Europeo.

Nel dettaglio, gli eventi a cui pesaresi e turisti potranno partecipare (ingresso libero e gratuito fino a esaurimento capienza sala) sono: martedì 23, ore 21:30, nella chiesa dell’Annunziata, il concerto dei docenti del Cima. Da mercoledì 24 a venerdì 26 agosto, alle ore 12:00, sempre nella chiesa dell’Annunziata, si terranno i concerti fringe, brevi concerti di circa 30 minuti, risultato delle lezioni svolte dagli studenti. La sera, negli stessi giorni, negli stessi spazi, il pubblico potrà partecipare liberamente anche ai workshop di danza antica, previsti alle ore 21:30.

A chiudere gli appuntamenti aperti alla cittadinanza è il concerto finale, in programma al Teatro Sperimentale, sabato 27 agosto, alle ore 21:30.