Pesaro, Coronavirus: Consiglio comunale a porte chiuse

47

Lunedì 9 marzo si potrà seguire tramite la diretta streaming sul sito dell’Amministrazione

comune di Pesaro logoPESARO – Lunedì 9 marzo, alle 16, torna a riunirsi il Consiglio comunale di Pesaro. L’assise sarà pubblica, ma si svolgerà a porte chiuse, quindi tutti coloro che desiderano seguire il Consiglio potranno farlo tramite la diretta streaming sul sito del Comune di Pesaro: http://www.comune.pesaro.pu.it/

La convocazione è stata decisa dal presidente del Consiglio comunale, dall’Ufficio di Presidenza in accordo con l’Asur. All’ordine del giorno ci sarà la variazione di bilancio: “Le precauzioni prese ci consentono di non fermare l’attività amministrativa, svolgendo gli adempimenti che aiutano l’economia locale – spiega il presidente del Consiglio Marco Perugini –. È importante che sia tutto funzionale e funzionante, per questo stiamo predisponendo tutto in virtù dell’emergenza che stiamo vivendo. Rispettiamo le precauzioni predisposte dal presidente del Consiglio dei ministri: l’assise si svolgerà nella sala del Consiglio comunale e ogni consigliere si siederà ad un metro di distanza dall’altro, con l’auspicio che ogni singolo consigliere prenda tutte le precauzioni del caso, responsabile del proprio stato di salute. Inoltre ci sarà il liquido igienizzante all’ingresso, la stanza è stata recentemente pulita e sanificata. A livello nazionale, stiamo strutturando una richiesta di modifica ai regolamenti di consigli comunali: l’idea è quella di dare la possibilità ai vari Comuni d’Italia di attuare, in caso di determinate emergenze, una teleconferenza. Ciò vuol dire che, se alcuni consiglieri si trovano in isolamento e non hanno la possibilità di venire in consiglio, lo potranno fare attraverso la teleconferenza. Un provvedimento, che se la legge ce lo consente potrebbe essere adottato al più presto anche per situazioni come quella che stiamo vivendo”.

Il Consiglio di lunedì sarà inoltre l’occasione per fare il punto della situazione insieme al sindaco di Matteo Ricci.