Pesaro Città Creativa Unesco partecipa alla Festa della Musica

11

Domenica 21 giugno la manifestazione nata in Europa, ma ormai di rilievo mondiale, con un suo speciale contributo che andrà online sui canali Unesco

PESARO – Con il primo giorno d’estate, domenica 21 giugno torna la Festa della Musica, una manifestazione nata in Europa ma ormai nota in tutto il mondo che coinvolge coloro che fanno musica, dalle istituzioni alle orchestre, dai cori ai singoli, un evento affascinante e inclusivo perché la musica porta con sé i valori di partecipazione, integrazione e armonia. Quest’anno l’emergenza sanitaria impone nuove modalità all’evento che diventa così un progetto di solidarietà e comunità da parte degli artisti, categoria che sta vivendo momenti drammatici dal punto di vista professionale, e delle città che aderiscono.

Per questo giorno speciale, in nome di quei valori universali di cui la musica è simbolo supremo, le Città Creative Unesco della Musica – network di cui Pesaro fa parte dal 2017 – hanno preparato una festa digitale con un ricco palinsesto composto dalle proposte di ben 20 città di diversi continenti: Adelaide (Australia), Hamamatsu (Giappone), Ambon (Indonesia), Daegu (Corea), Chennai (India), Kazan (Russia), Ramallah (Palestina), Katowice (Polonia), Veszprem (Ungheria), Brno (Repubblica Ceca), Norrkoping (Svezia), Pesaro (Italia), Hannover (Germania), Mannheim (Germania), Metz (Francia), Lliria (Spagna), Glasgow (Scozia), Idanh-a-Nova (Portogallo), Leiria (Portogallo), Amaranto (Portogallo), Bogota (Colombia), Kingston (Stati Uniti) Valparaiso (Cile), Frutillar (Cile), Kansas City (Stati Uniti).

La playlist dell’evento si potrà seguire – a partire dalle ore 12 – su YouTube sul canale Unesco e su quello di Music Export Poland e sulla fan page fb delle città della Musica https://www.facebook.com/citiesofmusic (Pesaro si esibirà alle ore 17.14).

‘Il programma pesarese’ – afferma Daniele Vimini assessore alla Bellezza del Comune – ‘per la Festa della Musica prevede artisti made in Pesaro con generi diversi, dalla musica indie a Rossini con l’immancabile concerto dal balcone della casa natale del compositore, una performance molto particolare che solo la nostra città offre: la ‘piccola’ selezione proposta rappresenta efficacemente le eccellenze, anche dal punto di vista delle location, del nostro territorio.’

Ecco chi salirà sul palco virtuale: Maria Antonietta, Marco Mencoboni con due performance dallo splendido Palazzo Mazzolari Mosca, Giuseppina Bridelli (soprano) e Anna Bigliardi (piano) da Casa Rossini, l’Orchestra Sinfonica Rossini con Nicola Alaimo (baritono) dal Teatro Rossini, I Camillas per un tributo immancabile a Mirko ‘Zagor Camillas’ scomparso a marzo lasciando un vuoto incolmabile.

Nell’ambito Unesco, la Festa della Musica fa parte della campagna ‘WeRculture’, iniziativa pensata per sottolineare l’importanza di principi come rispetto e responsabilità in tempi di crisi globale come quelli attuali. Durante lo svolgimento della Festa della Musica sarà attiva una raccolta per contribuire al fondo di solidarietà Covid 19 promosso dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.