Pedalata del Santo: ricchi premi e cotillons per l’evento dell’11 ottobre

54

Pedalata del SantoSAN BENEDETTO DEL TRONTO (AP) – Conto alla rovescia per la 2ª Fondo Senza Tempo – Pedalata del Santo, prevista domenica 11 ottobre. In palio per le prime dieci società per chilometri percorsi ci saranno un telaio, che andrà alla prima classificata, e gustosi prodotti in natura. Senza dimenticare gli omaggi che riceveranno tutti i partecipanti come pacco gara: una bottiglia di pregiato vino Ciù Ciù oltre a prodotti e borraccia della Named Sport. Le iscrizioni online per la Pedalata del Santo prevedono una quota di 8 euro fino alle ore 12 del 9 ottobre. Sarà possibile iscriversi anche in loco sabato 10 ottobre dalle ore 15.30 alle ore 20 e domenica 11 ottobre dalle ore 7 alle ore 9, ma versando una quota di 10 euro. Anche quest’anno un euro a iscritto sarà devoluto al reparto pediatrico dell’ospedale di San Benedetto.

La manifestazione, inserita nel programma della festa patronale, sará valida come prova sia del Campionato nazionale che di quello regionale di cicloturismo dell’Acsi. Per ulteriori informazioni visitare www.granfondosanbenedettodeltronto.it o telefonare al numero 347/3500469.

Anche quest’anno l’affascinante e suggestiva Offida sarà uno dei centri nevralgici dell’evento. Se, infatti, San Benedetto del Tronto sarà ancora una volta il quartier generale, con le iscrizioni che si terranno al ristorante Pala a Prora, che si trova vicino al faro, cioè a pochi metri da Piazza Giorgini (sede di partenza e arrivo), a Offida ci sarà invece il principale ristoro della manifestazione.

In pieno centro, esattamente in Piazza del Popolo, davanti allo showroom dell’azienda vitivincola Ciù Ciù sarà organizzato un gustosissimo ristoro a base di prodotti tipici del territorio e di vini, tutto rigorosamente biologico. Il ristoro sarà inoltre allietato da musica dal vivo.

E’ questa, dunque, la chicca che i partecipanti alla manifestazione cicloturistica sambenedettese troveranno ad Offida, località che presenta una pianta irregolare, dovuta allo sperone roccioso su cui sorge. Il suo centro storico, racchiuso all’interno di antiche mura medievali, offre al visitatore un itinerario durante il quale si trovano monumenti di grande valore architettonico, storico e artistico.

Nella piazza principale, dove si terrà il ristoro, si trova il Palazzo comunale, un elegante e maestoso edificio d’età medievale. Poco distante potrà essere ammirata la Chiesa della Collegiata, senza dimenticare quella dell’Addolorata o quella di Sant’Agostino con l’annessa Cappella del Miracolo eucaristico. Il monumento più insigne della città è però rappresentato dalla chiesa di Santa Maria della Rocca. Vanno infine ricordati il Museo di Offida e l’ex convento di San Francesco, che ospita l’Enoteca regionale delle Marche.